Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

La notte di Parolo: 250 con la Lazio e prima gioia in Champions

ROME, ITALY - NOVEMBER 24: Marco Parolo of SS Lazio celebrates a second goal during the UEFA Champions League Group F stage match between SS Lazio and Zenit St. Petersburg at Stadio Olimpico on November 24, 2020 in Rome, Italy. (Photo by Marco Rosi - SS Lazio/Getty Images)

Nella notte in cui Immobile celebra il suo ritorno al gol in Europa con un gol da raccontare ai nipotini, all'Olimpico brilla anche la stella di Marco Parolo.

Redazione Il Posticipo

Nella notte in cui Immobile celebra il suo ritorno al gol in Europa con un gol da raccontare ai nipotini, all'Olimpico brilla anche la stella di Marco Parolo. Il giocatore della Lazio centra un doppio, straordinario traguardo.

250 - Il secondo gol della Lazio porta la firma del centrocampista, per l'occasione con la fascia di capitano. Parolo non dimenticherà facilmente questa partita. In primis, perché celebra le 250 presenze con la maglia della Lazio e poi perché segna la sua prima rete nell'Europa che conta. Un gol... alla Parolo. Controllo dal limite e traiettoria imprendibile per il portiere avversario. Una gioia non da poco per un ragazzo che ha dato tantissimo alla Lazio di Inzaghi e incarna lo spirito della squadra biancoceleste. Sacrificio, abnegazione e umiltà permettono di arrivare ad altissimi livelli.

PERFETTO - Al termine della sfida Parolo ha rilasciato alcune dichiarazioni riprese da Mediaset. "Posso dire che è una serata perfetta. Per me già è un grande traguardo poter giocare la Champions. Segnare rende tutto ancora più bello. Dedico il gol alla mia famiglia ma ciò che più conta è che sia servito per i tre punti. La Lazio ha vinto e compiuto un passo avanti decisivo per la qualificazione. Devo fare i complimenti a tutta la squadra, perché quando si ottengono certe vittorie significa che è il gruppo a fare la differenza. La squadra sta crescendo ed acquisendo la mentalità necessaria". Lazio vicina a un traguardo storico. L'ultimo ottavo di finale è stato giocato 20 anni fa. "Siamo consapevoli dell'importanza di quello che stiamo facendo. Adesso restano due partite fondamentali ma noi contiamo di poggiare il mattone decisivo sin dalla prossima giornata".