Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

La lista UEFA dell’Atalanta: Gasp inserisce anche il lungodegente Hateboer e il talento Scalvini

BERGAMO, ITALY - MARCH 12: Gian Piero Gasperini, Head Coach of Atalanta during the Serie A match between Atalanta BC  and Spezia Calcio at Gewiss Stadium on March 12, 2021 in Bergamo, Italy. (Photo by Emilio Andreoli/Getty Images)

La Dea ha presentato la lista da consegnare alla UEFA per la registrazione dei calciatori per la fase a gironi di Champions. Tra i nomi scelti da Gasperini nessuna clamorosa sorpresa, anche se spunta un nome che forse ci si aspettava non ci fosse...

Redazione Il Posticipo

Non c'è due senza tre. E se nelle prime partecipazioni alla Champions League l'Atalanta ha stupito il mondo, la voglia di fare bene anche in questa stagione non manca. La squadra di Gasp ha pescato dall'urna di Nyon un girone ostico, con il Manchester United di Cristiano Ronaldo e il Villarreal campione in carica dell'Europa League (oltre agli Young Boys), ma ormai a giocare con le big la Dea è più che abituata. Il club, come previsto, ha presentato la lista da consegnare alla UEFA per la registrazione dei calciatori per la fase a gironi di Champions. Tra i nomi scelti da Gasperini nessuna clamorosa sorpresa, anche se spunta un nome che forse ci si aspettava non ci fosse...

PORTA E DIFESA - Come riporta il CorrieredellaSera, tutto come da copione per i portieri, con Musso, Sportiello e Rossi. Dei tre, l'unico con qualche presenza in Champions (7) è Sportiello, ma Musso, dopo le ottime stagioni all'Udinese, è pronto per il suo debutto sul palcoscenico più importante. In difesa sono stati inseriti Demiral, Djimsiti, Toloi, Palomino, Lovato, Gosens, Pezzella, Maehle, Hateboer, Zappacosta, Scalvini. E le due novità della lista sono entrambe nel reparto arretrato. C'è Scalvini, classe 2003 su cui Gasperini punta tantissimo e che è già stato aggregato alla prima squadra nella scorsa stagione. E poi c'è Hateboer, un fedelissimo di Gasp, che è alle prese con un problema al piede. Il suo rientro è previsto per i primi di dicembre, quando i gironi di Champions staranno per terminare, ma il tecnico lo ha voluto comunque inserire.

 (Photo by David Ramos/Getty Images)

CENTROCAMPO E ATTACCO - Solita parata di stelle a centrocampo, forse il reparto mediamente più qualitativo della Dea: De Roon, Koopmeiners, Freuler, Pasalic, Malinovskyi, Pessina, Miranchuk. Tutti gli occhi saranno ovviamente puntati su Koopmeiners, che ha già assaggiato la Champions con la maglia dell'AZ Alkmaar e che ora vuole diventare protagonista con quella nerazzurra. E infine l'attacco, reparto non affollatissimo ma comunque di qualità, con Ilicic, Zapata, Muriel e Piccoli. E a proposito del centravanti nato a Bergamo, proprio la sua permanenza nonostante alcune voci di mercato ha sbloccato l'inserimento di Hateboer. Se fosse andato via e al suo posto fosse arrivato uno straniero, non sarebbero....tornati i conti in lista tra calciatori cresciuti nel vivaio e in Italia. Un incastro che può sembrare insignificante, ma che in una competizione complicata come la Champions può fare la differenza.