Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

La lista della spesa di Sir Alex nel 2004: due futuri romanisti e…una leggenda del City

(Photo by Touchline Photo/Getty Images)

In oltre venticinque anni di Manchester United, Sir Alex Ferguson. ha preso le sue belle cantonate, ma spesso e volentieri il nome giusto lo ha azzeccato eccome. Persino quando alla fine il colpo...non si è concretizzato. Anzi, anche se alla fine...

Redazione Il Posticipo

Fare l'allenatore non è mai semplice, soprattutto quando c'è a che fare con il mercato. In Inghilterra, poi, considerando che la figura del direttore sportivo non ha ancora preso piede, tocca al mister, anzi, al manager gestire anche la parte delle trattative. In certi casi, un bene, perchè perlomeno è impossibile ritrovarsi calciatori non richiesti in rosa. Ma ci vuole anche una grande conoscenza del mercato, degli altri campionati e dei club stranieri. Insomma, un qualcosa che si possono permettere in pochi. Tra questi c'era sicuramente Sir Alex Ferguson. Uno che in oltre venticinque anni di Manchester United ha preso le sue belle cantonate, ma che spesso e volentieri il nome giusto lo ha azzeccato eccome.

 (Photo by Clive Brunskill/Getty Images)

RINGIOVANIMENTO - Persino quando alla fine il colpo...non si è concretizzato. Anzi, anche se alla fine il calciatore in questione lo hanno preso i cugini del City... A rivelarlo è UTDReport, sito che si occupa esclusivamente dei Red Devils e che ha pubblicato una lista degli obiettivi di Sir Alex nel lontano 2004. In quel periodo lo scozzese era alle prese con l'annosa questione del ringiovanimento della rosa. Il gruppo che aveva fatto il Treble nel 1999 era avviato verso gli anni finali della carriera (esclusi gli eterni Scholes e Giggs) e quindi c'era bisogno di nomi nuovi, soprattutto in difesa. E i nomi individuati da parte del tecnico dello United dimostrano che in fondo, come spesso è avvenuto, Ferguson ci ha visto lungo.

NOMI - Nella colonna degli obiettivi spuntano infatti Gerard Piquè, all'epoca nelle giovanili del Barcellona, Gabriel Heinze, sotto contratto con il PSG, Philippe Mexes, che nello stesso anno si sarebbe trasferito alla Roma con tanto di contenzioso con l'Auxerre, e soprattutto Vincent Kompany, promettente centrale dell'Anderlecht. In realtà due dei calciatori a Old Trafford ci arrivano, ma non scrivono la storia. Il catalano lo fa, ma solo una volta tornato al Barcellona. L'argentino fa la sua buona carriera con un passaggio anche alla Roma, ma si trasferisce al Real Madrid prima di poter vincere la Champions del 2008. E il belga? Beh, lui a Manchester ci va, ma dall'altra parte della città. Nel 2008 viene acquistato dal City e il resto, come si suol dire, è storia. Anzi, leggenda. Tanto per dimostrare che Sir Alex, in fondo, non si era sbagliato...