La Liga fa scintille: Monchi: “Mi sento oltraggiato”. Zidane: “Parole un po’ forti. Non deve lamentarsi”

La Liga fa scintille: Monchi: “Mi sento oltraggiato”. Zidane: “Parole un po’ forti. Non deve lamentarsi”

Il post partita di Real Madrid – Siviglia, finito 2-1 per i padroni di casa e con alcuni interventi del VAR, ha lasciato alcuni strascichi. Monchi è furioso, mentre Zidane invita a moderare i toni e a non lamentarsi….

di Redazione Il Posticipo

Siviglia furioso, ma Zidane allontana le polemiche. Il tecnico del Real Madrid, in conferenza stampa, lascia poco spazio alle interpretazioni. In tutti i sensi: non zittisce Monchi, ma lo invita a riflettere prima di parlare. Le sue parole in conferenza stampa sono riportate da Bernabeu Digital

MONCHI – Il direttore sportivo del Siviglia si è lamentato moltissimo. Pomo della discordia, il gol annullato al Siviglia. Sul gol degli ospiti, invece, peserebbe un fallo di mano di Munir. Insomma, un bel caos.  Monchi, secondo quanto riportato, si è dichiarato “Oltraggiato. Ho pensato di ritirare la squadra dal campo”. La risposta di Zidane è diplomatica, ma chiara:  “Ciò che dice è una sua responsabilità, non sarà certo io a dirgli se aveva ragione o no. L’arbitro decide cosa succede in campo. Quanto ha detto mi sembra piuttosto forte, ma non gli impedirò di parlare. Non credo che l’arbitro sia stato decisivo. È stata una partita difficile per tutti. Quello che dobbiamo pensare è che abbiamo giocato contro una squadra molto buona, ma il risultato finale è la logica conseguenza di ciò che è accaduto sul campo. Gli arbitri sono lì. Decidono ed è il loro lavoro, molto complicato. Puoi lamentarti ma non dovresti farlo”.

SOFFERENZA – C’è stata anche una partita. Che il Real ha vinto soffrendo. Zidane spiega l’importanza dei tre punti. “Oggi dovevamo vincere per forza. Il Siviglia ci ha messo in difficoltà. Abbiamo sempre creduto nel nostro lavoro e in ciò che facciamo. Dobbiamo essere sempre  eccellenti. Meglio aver iniziato male e finito bene, piuttosto che il contrario.  Questa è una vittoria fondamentale. I giocatori non sono macchine. Nel secondo tempo ci mancava un po’ di gamba, ma siamo riusciti ugualmente a vincere. Certo, due gol di Casemiro non sono una consuetudine, ma sono contento, sia della sua prestazione che delle sue reti”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy