La frecciata di Tuchel alla critica. “Sento sempre dire che è il mio momento più difficile…”

Il tecnico del PSG pretende che si contestualizzi la situazione e risponde alle critiche.

di Redazione Il Posticipo

Tuchel tutto sommato ottimista, nonostante la sua posizione sia quanto mai in biico. L’allenatore del PSG, come riportato da Le Parisien, vuole dimenticare la sconfitta con il Lipsia. La sconfitta maturata in Champions ha alimentato le critiche dei tifosi ma il tecnico è sereno e convinto di avere lo spogliatoio dalla sua parte.

ASSENZE – Una sfida delicata, con il Rennes, con tanti assenti: “Le nazionali hanno il diritto di convocare i calciatori, ma preferirei che gli infortunati non giocassero. Detto ciò ho fiducia di chi si prenderà cura dei nostri ragazzi. Preferisco concentrarmi sul Rennes, una squadra in continuo miglioramento. Fra i giocatori c’è voglia di riscatto. Non ci piace perdere, né vogliamo prendere confidenza con questa sensazione”.

IN BILICO – La situazione comunque si è complicata. La panchina traballa, ma Tuchel vive la situazione con filosofia. “Sento ripetere sempre gli stessi concetti. Era il mio momento più difficile  al PSG prima della finale della Coppa di Lega. Poi quando ci siamo giocati la Coppa di Francia. E quindi nei quarti di finale contro l’Atalanta e infine anche prima della semifinale. Non so se sia il mio momento più difficile. So che quando non arrivano i risultati, è sempre complicato. In un club come il PSG, poi, è tutto amplificato. Io come allenatore ho il dovere di analizzare la situazione scindendola dall’aspetto emozionale”.

SERENI –  Tuchel sostiene la tesi dei risultati. “A conti fatti, siamo primi in campionato, in piena corsa in Champions, quindi non bisogna perdere serenità. La realtà è che può anche succedere di perdere una partita. Credo sia fondamentale contestualizzare le cose E se ci riusciamo, ci renderemo conto che quella che stiamo vivendo non è la peggiore situazione del mondo. Certo è un momento complicato, ma siamo qui per trovare soluzioni. Ed è per questo che amiamo questa professione”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy