Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

La Francia frena subito e…Griezmann mette in dubbio Deschamps: “Forse servivano altri attaccanti bravi nell’uno contro uno…”

(Photo by Alexander Hassenstein/Getty Images)

Per il pass per Qatar 2022, persino la Francia deve rimettersi in gioco come tutti, In casi del genere, succede anche di non riuscire a vincere. Ma quando accade a chi in teoria non dovrebbe avere rivali, sono dolori. L'1-1 casalingo contro...

Redazione Il Posticipo

Da qualche edizione del Mondiale a questa parte, i campioni in carica tendono a fare figuracce inattese. E non c'è neanche più la scusa di non aver giocato le qualificazioni, perchè ormai sono finiti i tempi in cui chi sollevava la Coppa del Mondo si presentava quattro anni dopo senza battere ciglio. Ora l'unica squadra sicura di giocare Qatar 2022 è quella padrona di casa e quindi persino la Francia pigliatutto di Mbappè e soci deve rimettersi in gioco come tutti i comuni mortali. In casi del genere, succede anche di non riuscire a vincere. Ma quando accade a chi in teoria non dovrebbe avere rivali, sono dolori. L'1-1 casalingo contro l'Ucraina scatena infatti le prime critiche a Deschamps.

GRIEZMANN - Che, strano ma vero, non arrivano dalla stampa o dall'opinione pubblica, bensì da un suo calciatore. Anzi, per la precisione da quello che, prima dell'autogol di Kimpembe, stava risolvendo la partita. Antoine Griezmann ha tutte le ragioni per essere arrabbiato, visto che il suo splendido gol alla fine è servito a poco. Ma da qui a criticare apertamente il piano di gioco del CT forse ce ne passa. E invece il Piccolo Principe non le ha mandate a dire al suo selezionatore parlando ai microfoni di TF1. "Forse avevamo bisogno di altri calciatori offensivi bravi nell'uno contro uno sulla fascia. Ma impareremo anche a giocare con questo sistema e ricominceremo a vincere. Volevamo portare a casa ma non abbiamo giocato una grande partita".

DESCHAMPS - Insomma, dal fuoco amico non ci si salva neanche vincendo un mondiale. Ma Deschamps preferisce non commentare le parole del suo calciatore e si concentra su quello che non è andato anche a livello fisico e di cinismo. "Avremmo dovuto chiuderla nel primo tempo, abbiamo avuto le occasioni per farlo. Nella ripresa era più complicato. Il gol che abbiamo concesso era evitabile, a fine partita abbiamo spinto. Siamo ovviamente delusi, vincere sarebbe stato meglio. Ma il risultato dimostra che l'Ucraina è una buonissima squadra. Nella ripresa ci mancavano le energie, dobbiamo migliorare. Sapevamo che sarebbe stato un match in cui non avremmo avuto molte occasioni. Avevamo bisogno di più precisione". E non di altre ali...

Potresti esserti perso