Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

La Federazione spagnola nelle mani di Casillas…

In Spagna, il toto-elezioni presidenziali è all’apice e negli ultimi giorni è uscito il nome di Casillas tra i candidati. I sondaggi lo vogliono in testa e anche il sindacato dei calciatori lo spalleggia.

Redazione Il Posticipo

La classe non è affatto acqua. Si può giocare per sempre, restare in un limbo o smettere di colpo: un giocatore dal passato aureo non smetterà mai di ricevere affetto dai tifosi e dagli appassionati di calcio. E in Spagna si sta facendo molta strada la possibilità che Casillas possa vincere le elezioni per la presidenza della federazione basandosi sul sentimento del pubblico.

IL VOTO - Gli utenti che hanno votato il sondaggio lanciato da Marca non lasciano spazio a troppe interpretazioni. La domanda posta dal seguitissimo sito sportivo spagnolo è altrettanto semplice e inequivocabile: “Casillas potrebbe essere un buon presidente federale?”. Considerando l’affetto che ha riscontrato l’ex portiere dei Real Madrid, Porto e nazionale spagnola, la notizia sorprendente è che un 7% del pubblico abbia votato negativamente. Certo, non possono avere tutti lo stesso parere ma è pur vero che Casillas ha sempre messo tutti d’accordo.

PLEBISCITO - Un plebiscito bulgaro in salsa spagnola. Il 93% ha votato “Sì”. Del resto, in un certo senso, la Spagna... nelle sue mani c’è già stata e non è andata affatto male. Basti osservare le foto ricordo del Sudafrica. Non a caso le domande si susseguono. E  “In un ipotetico duello tra Casillas e Rubiales, chi preferiresti che vincesse?” la percentuale a favore di Casillas è addirittura più alta 94%.

AEE - E per l’associazione dei calciatori spagnoli? beh, secondo il presidente David Aganzo: “Come presidente del sindacato dei calciatori mi piacerebbe che un calciatore arrivasse alla presidenza federale. Iker è una persona che conosco da più di 30 anni e che ama il calcio così come Luis Rubiales. Credo che democraticamente sia un bene che ci sia più di una scelta per la presidenza”. La sensazione è che il dopo carriera del portiere che ha alzato al cielo la Coppa del Mondo sia spianato...