Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

La favola di Grealish il “ragazzaccio” di Birmingham: salva l’Aston villa dopo una stagione incredibile

Una salvezza pazza, come la stagione di Grealish. Prima raggiunge il record di 20 sconfitte consecutive in Premier, poi sfascia la macchina durante il lockdown infine salva la sua squadra con un gol che ha il sapore dell'addio

Redazione Il Posticipo

Pazza, come la stagione di Grealish. L'ultima giornata di Premier League regala una storia a lieto fine carica di emozioni. Il ragazzaccio di Birmingham salva il suo Aston Villa facendo... tutto da solo. Prima porta in vantaggio la sua squadra e un minuto dopo devia la conclusione di Yarmolenko. Salvezza comunque tirata per i capelli dopo aver infranto diversi... record.

SCONFITTE - La stagione dell'Aston Villa, al netto di spese ingenti sul mercato, non inizia benissimo. E il povero Grealish infrange un record che non avrebbe voluto. Venti sconfitte consecutive in Premier. Contro l'Everton arriva la prima vittoria ma la stagione resta in salita. La squadra annaspa, al netto delle sue prestazioni, in fondo alla classifica ed è presto risucchiata nel gorgo. Alla ventinovesima giornata l'Aston Villa è penultimo. Arriva però la pandemia. E Grealish si caccia ancora nei guai.

LOCKDOWN - Dopo aver rotto l'incantesimo, Grealish... sfascia la sua auto. Neanche il tempo di invitare i suoi tifosi a stare a casa, viste le conseguenze della pandemia di Covid-19, che il fantasista dell'Aston Villa ha ben pensato di predicare bene e razzolare malissimo. Non solo è uscito dal suo appartamento, ma già che c'era ha anche danneggiato la sua Range Rover da 90mila euro all'uscita da una festa in un locale. Le scuse non bastano. Arriva una multa da 175mila euro.

RIMONTE - A tre settimane dalla fine della Premier l'Aston Villa era spacciato. Poi con otto punti in quattro partite ha capovolto ogni pronostico e logica centrando una clamorosa salvezza. Ed è quasi romantico che, con ogni probabilità, l'ultimo gol segnato da Grealish con la maglia della squadra della sua città, sia quello che regala la permanenza. Un regalo d'addio che scaccia la paura e porta il ragazzo verso altri lidi, dove difficilmente lotterà ancora per la salvezza.