La famiglia Ronaldo si scatena sui social: “Non si scherza con lui”, ma anche “dovevi dribblare tutta la difesa…”

Con Cristiano Ronaldo non si scherza. Ma neanche con la sua famiglia. Il campione portoghese ha un rapporto strettissimo con sua madre e i suoi fratelli e sorelle, che non perdono mai l’occasione di difendere il numero 7 della Juventus. O di attaccare i suoi detrattori…

di Redazione Il Posticipo

Con Cristiano Ronaldo non si scherza. Ma neanche con la sua famiglia. Il campione portoghese ha un rapporto strettissimo con sua madre e i suoi fratelli e sorelle, che non perdono mai l’occasione di difendere il numero 7 della Juventus. O di attaccare i suoi detrattori, come nel caso delle tante frecciate mandate da sua sorella Katia. Che lo scorso anno aveva incendiato il post-Pallone d’Oro parlando di “mafia” contro suo fratello e che stavolta mette un po’ di pepe alla partita del Portogallo contro la Lituania. Cristiano Ronaldo ha segnato una tripletta, si avvicina a quota 100 reti in nazionale ed è…meglio non farlo arrabbiare.

NIENTE SCHERZI – Questo il senso del post su Instagram di Katia Aveiro, che scrive “non si scherza con lui”, prima di aggiungere “orgoglio di sorella”. Evidentemente le polemiche degli ultimi giorni hanno lasciato il segno e dalla famiglia di CR7 si sono come sempre alzati gli scudi a difesa del cinque volte Pallone d’Oro. Anche l’altra sorella, Elma, ha voluto dire la sua. Anche per lei una foto di Cristiano e un pensiero religioso: “Dio non fallisce”. Insomma, le voci su un presunto infortunio e lo scontro con Sarri sono state sistemate dalle due sorelle di Ronaldo.

CAPELLO – Ma ce n’è anche per uno dei maggiori critici recenti del portoghese. Fabio Capello ha detto qualche giorno fa che “Cristiano Ronaldo non dribbla nessuno da tre anni”. E quindi il grande amico di CR7 Miguel Paixão posta il video di uno dei gol e risponde neanche troppo velatamente all’ex tecnico di Milan, Roma, Juventus e Real Madrid: “Penso che avresti dovuto anche dribblare la difesa prima di segnare”. Uno per tutti e tutti per uno, dunque, a casa Ronaldo. Perchè sarà anche vero, come conferma Katia, che quando il campione si arrabbia risponde con i gol. Ma anche la sua famiglia, di sangue o allargata, ha le sue armi e le tiene sempre a disposizione…

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy