La Dea nell’Olimp(ic)o: lo stadio preferito degli ultimi anni, coppe a parte…

La Dea nell’Olimp(ic)o: lo stadio preferito degli ultimi anni, coppe a parte…

La vittoria in casa della Roma proietta l’Atalanta in testa alla classifica dell’anno solare. Nessuno, neanche la Juventus, ha fatto meglio della squadra di Gasperini, che ha nell’Olimpico una vera e propria fortezza. Purchè si giochi in campionato…

di Redazione Il Posticipo

Altro che crisi, la Dea è nell’Olimp(ic)o della serie A. I nerazzurri vivono la migliore partenza degli ultimi anni. Neanche all’alba della scorsa trionfale stagione l’Atalanta, che ha poi chiuso al terzo posto, era partita così forte. Alla sesta giornata, ha 10 punti in classifica e lascia una sensazione di solidità ritrovata. Lo scorso anno di questi tempi, aveva 5 punti. Poi ha cambiato marcia. E se giocasse sempre all’Olimpico…

ANNO SOLARE – Stupisce chi si stupisce del cammino nerazzurro: calcolando la classifica dell’anno solare, l’Atalanta è in testa alla classifica con un punto di vantaggio sulla Juventus e un margine rassicurante sul resto della concorrenza. Dall’inizio dell’anno, la squadra di Gasperini ha rastrellato 51 punti, in 24 partite, figli di quindici vittorie, sei pareggi e appena tre sconfitte, con 49 gol fatti e 27 subiti. La Juve Campione d’Italia è indietro di un punto, complice anche l’inevitabile flessione sul finale della scorsa stagione. In ogni caso, si tratta di un risultato straordinario, confermato anche dalla prolificità offensiva: Zapata, anche prima della sfida dell’Olimpico era il miglior realizzatore del campionato italiano nell’anno solare con 20 reti spalmate in tutte le competizioni.

OLIMPICO – In generale l’Atalanta si sta scoprendo la bestia…nerazzurra della Roma. Nelle ultime sei uscite in casa dei giallorossi non ha mai perso. Tre vittorie e tre pareggi. Fra l’altro, l’Olimpico ha portato parecchia fortuna, ultimamente, ai nerazzurri, purchè si parli…di campionato. Anche contro la Lazio, negli ultimi due anni, ha totalizzato una vittoria e un pareggio.  Cambia, e di parecchio, la situazione se si analizzano le altre competizioni. Basti pensare alla finale di Coppa Italia, persa a Roma proprio contro la Lazio. Unica macchia, con Zagabria, di un 2019 sinora da incorniciare.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy