La Corea del Sud Under-18 viene ‘spogliata’ del titolo di campione della Panda Cup per i festeggiamenti “Barbari e volgari”

La Corea del Sud Under-18 viene ‘spogliata’ del titolo di campione della Panda Cup per i festeggiamenti “Barbari e volgari”

Battuta la Cina in finale di Panda Cup, la Corea del Sud Under-18 viene investita da una valanga di polemiche che la ‘spogliano’ del titolo di campionessa. Il motivo? Un’esultanza “barbara e volgare”.

di Redazione Il Posticipo

Il ruolo pedagogico del calcio e dello sport in generale è davvero importante: oltre a dare occasione di gioire, divertirsi e confrontarsi con l’altro, lo sport insegna anche a vincere e a perdere. È fondamentale imparare a vincere con dignità e quindi a mantenere il rispetto per l’avversario sconfitto. Su questo punto, in Cina, si stanno arrabbiando davvero in tanti per il comportamento della nazionale Under 18 della Cora del Sud che vince la Panda Cup ed esulta in modo “Barbaro e volgare”.

IMPERDONABILE – I giovani coreani hanno battuto in finale la nazionale cinese e sono stati ‘spogliati’, almeno simbolicamente, del trofeo. L’esultanza, in effetti, è piuttosto scomposta: uno dei giovani calciatori appoggia un piede sulla coppa appoggiata a terra come se fosse un trofeo di caccia. Sui social network e sui media, in generale, in Cina, c’è tanta rabbia: “Si sono comportati come dei conquistatori piuttosto che come dei campioni“, si legge sulle prime pagine della testata Global Times. La competizione giovanile si svolge annualmente ma, stavolta, la città di Chengdu avrebbe preferito assistere a un finale diverso.

SCUSE PUBBLICHE – Sulla rete, le notizie si diffondono in fretta e fanno presto a catturare l’attenzione e i commenti di molti tifosi piuttosto arrabbiati per l’accaduto: si leggono commenti, tradotti in inglese dal quotidiano inglese The Sun, che parlano di un’imperdonabile mancanza di rispetto, di atti “Barbari e volgari“. E in effetti, questi pareri non si discostano troppo dalla realtà: alcuni giocatori, fortunatamente non immortalati durante l’atto, hanno mimato di urinate dentro la coppa dopo la vittoria. A tutti piace vincere ma nessuno dovrebbe, chiaramente, mancare così tanto di rispetto a una competizione e agli avversari. Il Sun riporta che l’allenatore e la squadra sono stati obbligati dagli organizzatori del torneo a scusarsi pubblicamente ed è stato pubblicato poco dopo un video di scuse pubbliche per il comportamento antisportivo nell’hotel in cui si è fermata la squadra.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy