La “Camiseta del Pueblo”: Tevez gioca il Superclasico con una maglia…usata e sudata

Carlitos Tevez, bandiera del Boca, vuole mettere la sua firma a un match che è già leggenda. La sua gente si aspetta grandi cose da lui, che degli Xeneizes non è solo calciatore, ma anche tifoso. E l’Apache si è prestato a un’iniziativa che esprime tutta la passione della tifoseria azul y oro.

di Redazione Il Posticipo

Il Superclasico di Libertadores, meglio noto in Argentina come SuperFinal, regala sempre storie particolari. Una delle figure più importanti della partita che deciderà la supremazia cittadina, nazionale e…sudamericana, è una vecchia conoscenza dei tifosi italiani. Carlitos Tevez, bandiera del Boca, vuole mettere la sua firma a un match che è già leggenda. La sua gente si aspetta grandi cose da lui, che degli Xeneizes non è solo calciatore, ma anche hincha, tifoso. L’abbraccio che ha ricevuto durante il popolatissimo riscaldamento alla Bombonera è quello di tutto il popolo del Boca. E l’Apache si è prestato a un’iniziativa che esprime tutta la passione della tifoseria azul y oro.

MAGLIA DEL POPOLO – Come riporta il Clarin, l’ex juventino scenderà in campo con quella che è già stata definita la “camiseta del pueblo”, la maglia del popolo. L’idea è che cento tifosi del Boca si facciano fotografare indossando la stessa maglia, simbolo di una passione condivisa. Ma poi quella maglia dovrà essere presente al Monumental. Come, visto che alla fine gli ospiti allo stadio del River non ci potranno entrare? L’idea è quella di consegnarla all’Apache come segno dell’appoggio della tifoseria. E Tevez la dovrebbe portare all’interno del fortino dei rivali. Ma, visto che ci siamo, perchè non fare di più? E quindi la richiesta dei tifosi è che la maglia abbia un posto speciale. Quale? Ovviamente sotto quella ufficiale, sulle spalle dell’Apache. Che quindi si prenderà la responsabilità di rappresentare sul campo i suoi “fratelli” Xeneizes.

TITOLARE? – Una maglia usata, sentita e…forse anche sudata, il che farebbe comunque parte della mistica del SuperClasico. Se dovranno sudare i tifosi (e suderanno) nelle case e nelle piazze, toccherà anche a Tevez continuare a bagnare la maglia con la fatica. La domanda però è un’altra: Tevez sarà della partita dal primo minuto? Chissà, perchè le condizioni di Pavon lasciano dubbi sull’effettivo schieramento di Schelotto per i novanta (o centoventi, o chissà quanti) minuti che possono voler dire gloria imperitura o disonore perenne. Ma di certo, quando l’Apache scenderà in campo, il popolo del Boca tratterrà il respiro e spingerà Carlitos Tevez verso un sogno. Il suo e di tutti quelli che hanno il cuore azul y oro.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy