Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

La Bundesliga punta a ripartire, ma Kimmich avvisa: “Per noi calciatori stare fermi è opprimente, ma la salute è al di sopra di tutto”

La Bundesliga punta a ripartire a maggio, anche se a porte chiuse e con appena 126 persone (tra calciatori e staff) ammesse negli stadi. Resta però da vedere se la situazione sarà sostenibile. E Joshua Kimmich, una delle stelle del Bayern...

Redazione Il Posticipo

La Bundesliga punta a ripartire a maggio, anche se a porte chiuse e con appena 126 persone (tra calciatori e staff) ammesse negli stadi. Resta però da vedere se la situazione sarà sostenibile. E Joshua Kimmich, una delle stelle del Bayern Monaco, mette dei paletti. Prima la salute, di chi gioca ma anche più in generale di ogni persona. Il terzino dei campioni di Germania spiega all'Abendzeitung München che la situazione imposta dall'epidemia di Covid-19 non può essere presa alla leggera. E racconta anche di come lo stop forzato abbia fatto guardare in maniera diversa alle abitudini pre-coronavirus.

Intanto, se si deve ricominciare, sarà il caso di fare in modo che non ci siano pericoli per nessuno. Su questo, Kimmich non transige.“Ci saranno diverse opinioni, ma credo che molta gente sarebbe sicuramente felice se potesse ricominciare a vedere il calcio, anche se fosse costretta a farlo solamente attraverso la televisione. D'altra parte la situazione è ancora difficile e una ripartenza deve essere giustificata dai dati e socialmente sostenibile. La salute di ogni individuo e della società in generale è al di sopra di tutto. E quindi quella deve essere la base per qualsiasi decisione venga presa al riguardo".

Certo, non è semplice per i calciatori vivere un momento di calma piatta, quando normalmente questi mesi sono quelli decisivi per la stagione. E non tutti la vivono bene. “Tutti hanno fatto caso ai ritmi forsennati della nostra società. Nel calcio, in particolare, lavoriamo partita dopo partita, c'è un match ogni tre giorni e viaggiamo molto. Ora siamo passati dall'andare a 100 all'ora a 0. Speriamo che la stagione possa terminare, ma sembra quasi di essere nella pausa estiva, anche perchè non ci si allena. Nel complesso, è una situazione che ci opprime". In ogni caso, quando si ripartirà, il Bayern è pronto a scendere in campo con uno spirito positivo."Abbiamo una squadra forte, un sacco di potenziale e di qualità. Abbiamo fatto bene finora, sia in campionato che in campo internazionale. Direi che siamo pronti". Sempre a patto che la salute di tutti non sia messa in pericolo.