Kroos svela la gioia del Real dopo il 2-8 del Barça: “Non si può dire tutto, ma qualcuno è stato un po’ cattivello…”

Kroos svela la gioia del Real dopo il 2-8 del Barça: “Non si può dire tutto, ma qualcuno è stato un po’ cattivello…”

Una sconfitta come il 2-8 subito dal Barcellona contro il Bayern Monaco fa epoca. Ed è facile immaginare che a Madrid, sponda Real, la notte più buia della storia catalana abbia fatto piacere. Lo conferma, senza troppe remore, Toni Kroos…

di Redazione Il Posticipo

Una sconfitta come il 2-8 subito dal Barcellona contro il Bayern Monaco fa epoca. Complicato che non sia così. E un match del genere resta a lungo nella mente dei tifosi, soprattutto di quelli della squadra che perde. Ma non solo. Si sa, il calcio è fatto di rivalità e la debacle di un club spesso è la gioia di un altro. Facile dunque immaginare che a Madrid, sponda Real, la notte più buia della storia catalana abbia fatto piacere. E lo conferma, senza troppe remore, Toni Kroos. Il tedesco, durante il podcast Einfach mal Luppen con suo fratello Felix, ha spiegato come il gruppo Whatsapp dei Blancos ha reagito alla clamorosa sconfitta dei blaugrana.

FESTEGGIAMENTO – “Non si può svelare tutto, ma potete tranquillamente immaginare che non ci sia certamente stata tristezza al riguardo. E c’è stato anche qualche festeggiamento un po’ cattivello da parte di qualcuno”. Del resto, dopo aver vinto la Liga contro i rivali di sempre, i Blancos dovevano sperare che Messi e compagni non vincessero la Champions League, l’unico risultato in grado di oscurare il trionfo in campionato della squadra di Zidane. Certo, nessuno si immaginava che sarebbe finita 2-8. E lo stesso Kroos, che del Bayern è un ex calciatore, ha spiegato di aver mandato un messaggio all’amico Kimmich. Di certo con molti complimenti, ma anche con qualche ringraziamento da parte dei compagni.

DOPO ROMA – Che in fondo hanno già dimostrato che un tonfo clamoroso del Barcellona è una gioia per tutti dalle parti della Ciudad Deportiva. Kroos ha infatti ricordato come nella zona in cui vive e in cui hanno casa anche molti altri calciatori del Real, è stata vissuta la sconfitta per 3-0 dei blaugrana per mano della Roma. “La gente correva avanti e indietro di fronte a casa mia e urlava. Non ho visto chi fosse, ma sicuramente c’era qualche altro giocatore. Tutti quanti qui vivono la rivalità in questa maniera”. Arriva dunque il dito nella piaga da parte dei Blancos. E vista la situazione attuale al Camp Nou, stavolta sarà anche difficile che qualcuno risponda per le rime.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy