Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Kroos racconta la rottura con il Bayern: “Hoeness è venuto da me e mi ha detto che le mie richieste erano assurde…”

Dopo sei anni, tutti passati vincendo la Bundesliga, e con un triplete da poco in bacheca, c'è ancora una domanda che tutti i tifosi del Bayern Monaco si pongono: perchè i tedeschi hanno lasciato andare Toni Kroos? E ora, finalmente, arriva una...

Redazione Il Posticipo

Dopo sei anni, tutti passati vincendo la Bundesliga, e con un triplete da poco in bacheca, c'è ancora una domanda che tutti i tifosi del Bayern Monaco si pongono: perchè i tedeschi hanno lasciato andare Toni Kroos? Il centrocampista è stato acquistato dal Real Madrid subito dopo la vittoria della Germania al Mondiale 2014, con il classe 1990 grandissimo protagonista, per 25 milioni di euro, una cifra che per il mercato è decisamente bassa. È ovvio quindi che tra Kroos e il club bavarese sia successo qualcosa proprio dopo la Coppa del Mondo. E nel podcast Einfach mal luppen, che il tedesco tiene con suo fratello Felix, arriva finalmente una spiegazione. Un vero e proprio scontro tra titani...

RICHIESTE ASSURDE - Che comincia esattamente al ritorno di Kroos dal Brasile. C'è da negoziare un rinnovo e il Bayern non ci sta a farsi prendere per il collo. "Il signor Hoeness è venuto da me e mi ha detto che quello che il mio procuratore stava chiedendo era assurdo. Io gli ho risposto: 'Questa potrebbe essere la vostra opinione. Ma questo è quello che chiediamo e non è solo il mio consigliere a farlo'". Probabilmente, spiega il centrocampista, Hoeness voleva verificare che le richieste di Kroos provenissero direttamente dal calciatore e che non fossero state fatte a sua insaputa. Una volta appurato questo, però, il muro contro muro diventa praticamente insanabile.

 (Photo by Alexander Hassenstein/Bongarts/Getty Images )

TESTA A TESTA - Lo spiega bene Volker Struth, procuratore di Kroos, che racconta la sua telefonata con Matthias Sammer, all'epoca direttore sportivo del Bayern. “Abbiamo un ottimo rapporto con lui. Ma la conversazione è stata molta emotiva quando gli abbiamo detto cosa avremmo voluto dopo la Coppa del Mondo. Era come fare un testa a testa al telefono ”.. E dire che, secondo il suo procuratore, non è che il tedesco abbia chiesto la luna... "Con le nostre richieste Toni non sarebbe stato tra i calciatori più pagati del Bayern. Anzi, non sarebbe neanche entrato tra i primi cinque. Era semplicemente una richiesta a normali valori di mercato". Le richieste di Kroos, comunque, non vengono accettate. E il resto è storia. Sì, ma del Real Madrid...