Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Kroos non è…CR7 e pensa già al ritiro: “Non sono uno di quelli che gioca fino a 38 anni…”

C'è chi vorrebbe continuare a giocare per sempre e chi, in fondo, accetta l'idea del ritiro di buon grado. Tra quelli che non si vedono decisamente in campo dopo una certa età c'è sicuramente Toni Kroos. Che spiega così perchè non ha alcuna...

Redazione Il Posticipo

C'è chi vorrebbe continuare a giocare per sempre e chi, in fondo, accetta l'idea del ritiro di buon grado. Tra quelli che non si vedono decisamente in campo dopo una certa età c'è sicuramente Toni Kroos. Il centrocampista tedesco del Real Madrid è un classe 1990 e ha da poco compiuto trent'anni. Guardando a compagni ed ex compagni come Modric e Cristiano Ronaldo, non dovrebbe essere un problema l'aumentare delle candeline, ma il campione del mondo 2014 ha altre idee. Ecco perchè non ha alcuna intenzione di ragionare su un nuovo contratto con i Blancos. Quello attuale, che scade nel 2023, gli va benissimo, come spiega a Sportschau Club.

ETÁ - "Non sono di certo un calciatore di quelli che giocano fino a 38 anni. Ho ancora un contratto di tre anni e mezzo, che scade nell'estate 2023. E in quel momento, avrò 33 anni. È l'età giusta per cominciare a pensare a cosa voglio fare senza avere sulle spalle il peso di un contratto da quattro anni". Dunque, il Real può mettersi l'anima in pace. Il tedesco aspetta di capire come si sentirà tra qualche stagione prima di decidere del suo futuro. Anche perchè “in quel momento non mancherà molto alla fine della mia carriera". Dunque, si pensa già al ritiro. Prima, comunque, c'è da continuare a collezionare vittorie, visto che “la sensazione che ti dà sollevare trofei dà quasi dipendenza”.

NAZIONALE - Tra i prossimi obiettivi, oltre alla Liga e a quella che per lui potrebbe essere la quinta Champions, c'è anche l'Europeo, l'unica grande manifestazione...che Kroos non ha ancora vinto. Un torneo a cui la Germania si presenterà ringiovanita, dopo che Löw ha deciso di escludere Müller, Hummels e Boateng dalle sue convocazioni. Una scelta definitiva, che non cambierà neanche in occasione di una competizione in cui l'esperienza potrebbe contare molto. "Il Commissario Tecnico non ha preso quella decisione per un capriccio, perchè sono cattivi giocatori o perchè hanno 38 anni, l'ha fatto per dare una nuova direzione alla nazionale. Ed è probabile che le cose restino così, perchè la direzione che abbiamo preso finora è stata quella giusta". O almeno, Kroos ci spera, visto che l'Europeo successivo sarà nel 2024 e chissà se allora...giocherà ancora a calcio!