Kovac chiede scusa a Müller: “Non mi sono spiegato bene, ho fatto uno sbaglio”

Kovac chiede scusa a Müller: “Non mi sono spiegato bene, ho fatto uno sbaglio”

Le litigate tra calciatori e allenatori fanno parte del gioco. Spesso e volentieri, tecnici e giocatori discutono, a volte vengono addirittura alle mani. E a quel punto, o ci si saluta o si fa pace. E a Monaco di Baviera, si è passati all’opzione due.

di Redazione Il Posticipo

Le litigate tra calciatori e allenatori fanno parte del gioco. Spesso e volentieri, tecnici e giocatori discutono, a volte vengono addirittura alle mani. E a quel punto, le soluzioni sono due. O separarli, e non solo fisicamente ma anche escludendo uno dei due dalla squadra, oppure seppellire l’ascia di guerra e fare pace. A Monaco di Baviera, sembrano aver optato per questa opzione. E quindi, come riporta AS, il tecnico Niko Kovac decide di chiedere scusa a Thomas Müller.

FRASE INCRIMINATA – Cosa ha combinato il croato per doversi scusare con il suo calciatore? Beh, prima della sosta aveva fatto una dichiarazione che ha lasciato parecchio interdetto lo stesso Müller, oltre che la gran parte dei tifosi del Bayen: “Thomas avrà i suoi minuti di gioco quando ci mancheranno altri calciatori”. In pratica, aveva reso chiaro a tutti che il campione del mondo 2014, nonché bandiera della squadra campione di Germania, per lui è una riserva. Il che ha convinto il tedesco a chiedere immediatamente la cessione. Una eventualità che la dirigenza non vuole minimamente prendere in considerazione. E quindi, arrivano le scuse del tecnico.

PRECEDENTE – “È stato un errore da parte mia. Non mi sono spiegato bene. Il fatto che Thomas sia spesso entrato in campo nelle ultime settimane non fa altro che ribadire quali siano le mie intenzioni nei suoi confronti. Che non si riflettono in quelle dichiarazioni. È chiaro che siano state interpretate in quella maniera, ma io ho parlato con Thomas il giorno dopo e abbiamo chiarito ogni tipo di dubbio. E anzi, anche lui le ha interpretate come volevo che le interpretasse. Ho fatto uno sbaglio, succede”. Come succede anche che chi va in rotta di collisione con il tedesco…faccia una brutta fine a Monaco di Baviera. Basta pensare a Carlo Ancelotti, a cui i diverbi con Müller e la vecchia guardia sono costati la panchina, E quindi Kovac scusato, mezzo salvato…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy