Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Koeman: “Senza Messi siamo più squadra, non abbiamo chi decide le partite e sfruttiamo il collettivo”

(Photo by David Ramos/Getty Images)

Una serata che riscalda i cuori blaugrana. Esiste un calcio dopo Messi anche se è ancora difficile da sopportare.

Redazione Il Posticipo

La prima al Camp Nou senza Messi, finisce nel migliore dei modi per il Barcellona, che inaugura la sua Liga con un convincente 4-2 contro la Real Sociedad. Una vittoria firmata anche da protagonisti inaspettati come Braithwaite, autore di una doppietta. Una serata che riscalda i cuori blaugrana. Esiste un calcio dopo Messi anche se è ancora difficile da sopportare. Koeman ha parlato al termine della sfida in conferenza stampa. Le sue dichiarazioni sono riprese dal Mundo Deportivo. 

IMPORTANTE -Tre punti fondamentali, al di là del risultato. E mai come questa volta, non è una frase fatta. "È sempre importante iniziare il campionato con una vittoria. Nella prima mezz'ora siamo stati fantastici nel possesso e nel recupero del pallone. Poi ci hanno reso le cose un po' difficili, ma alla fine abbiamo vinto. E per quello che abbiamo visto in campo possiamo essere felici. Sono contento anche per i tifosi. Anche se c'erano solo 20.000 persone, ci hanno aiutato. È importante avere l'aiuto della nostra gente ed è stato molto bello. Non sono rimasto sorpreso dal supporto dei tifosi. Questa è la strada da percorrere e quella di cui abbiamo bisogno"

LEADER - Perso Messi, il Barcellona ha trovato nuovi leader. Subito decisivo Depay, ma era tutto sommato prevedibile. Nessuno si aspettata Braithwaite . "Ho sempre detto di Martin che è un esempio di come dovrebbe giocare, allenarsi e comportarsi un calciatore professionista. Lavora sempre per la squadra. Ha migliorato il suo gioco. Anche l'anno scorso Gerard era già il leader di questa squadra. Ha solo giocato meno partite a causa dell'infortunio al ginocchio. Quest'anno sta meglio fisicamente e il suo aiuto e il suo atteggiamento come quello degli altri veterani è stato esemplare per tutti i catalani".

MESSI - Inevitabile parlare dell'addio di Messi. "Il nostro gioco può essere più collettivo di prima ma preferisco comunque avere Messi nella mia squadra. Non abbiamo più un giocatore che decide le partite da solo ma adesso giochiamo più da squadra. Sappiamo che dobbiamo creare opportunità e segnare e oggi ne abbiamo messi a segno quattro. So che serve un altro attaccante ma le possibilità che abbiamo in questo momento sono ridotte. In ogni caso, con un occhio al Fair Play, cercheremo di capire come migliorare la squadra".