Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Koeman: “Peccato che De Ligt sia alla Juventus e non qui. Pjanic di certo migliorerà…”

(Photo by Daniele Badolato - Juventus FC/Juventus FC via Getty Images)

La partita peggiore nel momento peggiore. Questa sarebbe stata per i blaugrana Barcellona-Juventus se entrambe le squadre non fossero già qualificate. Per fortuna di Koeman, il passaggio del turno non è in dubbio, ma comunque Rambo non è felice...

Redazione Il Posticipo

La partita peggiore nel momento peggiore. Questa sarebbe stata per i blaugrana Barcellona-Juventus se entrambe le squadre non fossero già qualificate. Per fortuna di Koeman, il passaggio del turno non è in dubbio e quindi il Barça può tranquillizzarsi dopo la clamorosa sconfitta contro il Cadice. Certo, la Signora è sempre la Signora, ma al momento la Champions sembra un'oasi di pace per i catalani, che in campionato zoppicano eccome. E Koeman non è felice, come spiega nella conferenza stampa riportata da AS.

ARRABBIATO - L'ultima prestazione infatti brucia."C'è differenza tra perdere come abbiamo fatto sabato e come abbiamo fatto con l'Atletico, dobbiamo analizzare come prendiamo gol e come ci creano pericoli. Non faccio teatro, se perdo sono arrabbiato e lo dico ai giocatori. Non possiamo accettare di prendere gol come quelli che abbiamo subito". E che messaggi dà l'olandese ai suoi? Parecchi concetti... "Stare qui è una responsabilità, quello che si dice qui dentro resta qui dentro. Ci sono cose che non si possono migliorare con gli allenamenti, bisogna analizzarle e comunicare per avere il massimo effetto. Dobbiamo essere più cinici e fare meno errori. Ci siamo già fatti scappare troppi punti".

LA JUVENTUS - Il grande ex Pjanic finora ha sempre giocato in Champions e quasi mai in Liga. E Koeman spiega perchè. "Sono decisione tattiche, il gioco è diverso rispetto a quello che faceva alla Juventus, noi pressiamo più alto. Ma è arrivato più tardi e di certo migliorerà". Ce n'è anche per un connazionale che conosce bene... "De Ligt, nonostante la giovane età , ha una grande esperienza e nella sua posizione può diventare uno dei migliori del mondo. Ha voglia di migliorare, peccato che sia alla Juve e non qui". E poi CR7, che per Rambo...non è uno stimolo. "Non serve Cristiano per stimolarci, è una partita importante tra due grandi squadre. Cristiano è uno dei migliori, che segna e lotta sempre e che continua ad essere al top. Sappiamo che possono farci male e quindi dobbiamo difendere bene e tenere il pallone". Negli ultimi tempi, più facile a dirsi che a farsi...