Koeman, il futuro appeso a un filo fra risultati e… scrutini

Il Barcellona è nuovamente piombato nella crisi. E il destino del tecnico olandese sembra segnato.

di Redazione Il Posticipo

Koeman, un futuro appeso a un filo fra risultati e… scrutini. Una settimana terribile ha lasciato un segno profondo nel Barcellona che prima ha perso malissimo in Champions e poi ha pareggiato, anche in modo peggiore, con il Cadice in campionato. Due risultati che hanno riaperto la crisi e rischiano di chiudere anticipatamente l’esperienza dell’ex CT dell’Olanda sulla panchina del Barça.

PROSPETTIVE  –  Al netto della schiacciante sconfitta contro il PSG e il deludente 1-1 con il Cadice, sono le prospettive a rendere quanto mai complicato il proseguo della stagione. In campionato, l’olandese si gioca tutto nelle prossime settimane: è a otto punti dall’Atletico Madrid, ed ha la possibilità di accorciare le distanze contro l’Elche nel recupero di campionato. Non ci sono alternative, anche perché ne weekend il Barça andrà a Siviglia dove una sconfitta o un pareggio significherebbe dire definitivamente addio al titolo. Nelle coppe, la situazione è anche peggiore.  A meno di miracoli, il Barcellona è già fuori dalla Champions. Resta la Copa del Rey, ma occorre ribaltare lo 0-2 subito a Siviglia. Complicatissimo.

(Photo by Daniele Badolato – Juventus FC/Juventus FC via Getty Images)

ELEZIONI – Koeman quindi, dovrà superare indenne anche le elezioni. Il Barcellona è un club molto particolare, dove la politica ha un peso specifico enorme. In questo senso, la posizione del tecnico, già traballante, è ulteriormente indebolita dalla… provenienza. La scelta di puntare su Koeman è della vecchia dirigenza. E tutto lascia credere che il nuovo direttivo voglia dare immediatamente prova di un profondo cambiamento tagliando i ponti con il passato. E Koeman è una scelta che appartiene alla vecchia gestione. Non a caso, come riporta AS, solo Freixa è a favore della continuità di Koeman  qualunque cosa accada in questa stagione. Dunque, solo i risultati possono salvare il tecnico olandese, ma l’orizzonte è quanto mai fosco. E se il nuovo presidente, il 7 marzo, si ritroverà un Barcellona tagliata fuori dalla lotta per il titolo ed eliminata dalle coppe, la conferma di Koeman diventerà un esercizio di ottimismo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy