Klopp pensa al ritiro: “Non ho piani oltre il 2024. Spero di riuscire a dire ‘ciao a tutti, ora tocca a qualcun altro'”

Klopp pensa al ritiro: “Non ho piani oltre il 2024. Spero di riuscire a dire ‘ciao a tutti, ora tocca a qualcun altro'”

Il club inglese ha vinto la Premier League dopo aver conquistato la Champions nella scorsa stagione. Abbastanza per Jürgen Klopp per meritare…un rinnovo a vita? Il Liverpool non ha dubbi, ma il tedesco potrebbe scegliere un’altra strada…

di Redazione Il Posticipo

Jürgen Klopp lascerà Anfield prima di restare senza energie? Il club inglese è in ansia per le prossime decisioni del tecnico tedesco, diventato campione d’Inghilterra dopo aver vinto anche la Champions League. Il Liverpool vorrebbe far firmare al manager un contratto a lungo termine, ma la strada sembra in salita al momento. Klopp non ne fa una questione di soldi: per lui la salute viene prima di tutto… anche prima di un ingaggio faraonico!

25 ANNI – E proprio le preoccupazioni per la sua salute potrebbero portarlo a lasciare la panchina alla fine del suo attuale contratto che scade nel 2024, come spiega il tedesco al Mirror. “Non mi vedo ad allenare fino a una certa età. Quando ho iniziato questo lavoro ho pensato ‘ok, adesso iniziano 25 anni impegnativi’. Sono stato sette anni e mezzo al Mainz, sette al Borussia Dortmund e quando nel 2024 finirà il mio contratto con il Liverpool saranno 23 anni e mezzo di panchina. E non ho alcun piano al di là di quella data”. Anche perchè, come ha spiegato più volte, il timore è quello che il suo modo di allenare, senza mezzi termini, lo porti prima o poi a una sorta di burnout.

CIAO A TUTTI – Strano ma vero, nel momento più vincente della sua carriera Klopp pensa…al ritiro. Non subito, ovviamente, ma il tedesco spera di trovare la forza interiore di lasciare quando la sua era sarà finita. Complicato immaginarlo, vista la passione che il tecnico del Liverpool mette nel suo lavoro. Ma un qualcosa che, prima o poi, anche una leggenda della panchina come lui dovrà affrontare. “Quando sarà il momento, spero di essere ancora in salute e poter dire ‘benissimo, mi è piaciuto molto fare l’allenatore, ma ora tocca agli altri’. E spero di trovarmi nella situazione di dire ‘ciao a tutti, vi amo, ma non telefonatemi per quello che riguarda il calcio’. Il mio piano è questo”. Quello del Liverpool è invece far sì che accada…il più tardi possibile.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy