Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Klopp: “Mou gran lavoro, il Tottenham non è solo contropiede. Cinque cambi? Inizio a sentirmi solo in questa richiesta…”

Il tecnico dei reds alla vigilia del match clou di Premier.

Redazione Il Posticipo

Turno infrasettimanale per la Premier e Klopp si prepara con quel che gli resta del Liverpool alla sfida in casa del Tottenham. Una sfida che non dirà chi potrà vincere la Premier, ma lascerà comunque diversi indizi sulla reale competitività degli Spurs. Il tecnico tedesco ha parlato in conferenza stampa della partita ed è anche tornato sulla "lotta" per le cinque sostituzioni. Una crociata in cui inizia a sentirsi solo. Le sue parole sono riprese dal liverpoolecho.

MOURINHO - Il Tottenham sotto la guida di Mou è tornato competitivo. "Mourinho ha svolto un gran lavoro, è impressionante quanto sia riuscito a cambiare negli Spurs. Il modo in cui giocano quest'anno è davvero incredibile. Li ha trasformati in una macchina dei risultati. Hanno alzato til livello delle loro prestazioni e anche se non giocano al meglio, vincono. E riescono a difendersi collettivamente". La sfida non sarà decisiva. "In questo momento ci sono molte squadre che competono per il campionato, è una Premier equilibrata. Buon per lo spettacolo e i tifosi neutrali".

TOTTENHAM - Per rendere tutto meno equilibrato, basta vincere con il Tottenham: "Una squadra piena di risorse. Se teniamo sotto controllo Son e Kane, ce ne sono molti altri. Hanno trovato un'ottima compattezza. E comunque  gli Spurs giocano un calcio vero. Difendono, alzano il pressing alto, attaccano sulle ali, fanno densità a centrocampo. Non si può essere in cima alla classifica giocando solo in contropiede".

ASSENZE - Il Liverpool farà i conti con le assenze. E Klopp continua a chiedere la possibilità di adeguarsi al resto dei campionati europei e di dare il via alle cinque sostituzioni. "Ho già detto tutto al riguardo. Sostengo questa tesi per tutelare la salute dei calciatori. In estate se ne era già parlato e non tutti erano contro. Probabilmente non c'era il numero necessario per la maggioranza (16) ma questa non è una decisione che posso prendere da solo. Posso solo dire che ancora non si è mosso nulla e che a volte mi sembra di essere l'unica voce rimasta per sostenere questa tesi anche se sono certo che ci sono tanti altri manager che la pensano allo stesso modo".