calcio

Klopp, i gufi contro il Liverpool ti fanno pena? “Mi dispiace per loro…”

(Photo by John Powell/Liverpool FC via Getty Images)

Il Liverpool continua la sua corsa verso il titolo e torna ad Anfield, dove non ha ancora giocato nel 2019. Eppure qualcuno farebbe di tutto pur di non vedere la squadra di Klopp campione d'Inghilterra a fine anno...

Redazione Il Posticipo

Non ragioniam di lor, ma guarda e passa: Dante la avrebbe risolta più o meno così. Ma la Premier League non è l'Inferno, anche se ogni partita spesso ci somiglia. Ritmo incessante, nessun regalo, pronostici validi fino a un certo punto. Jürgen Klopp lo sta imparando sulla sua pelle: vincere Oltremanica è difficile, anche se il suo Liverpool al momento tenda a far sempre la pratica persino troppo semplice. Nonostante i meriti sul campo e un titolo che manca dalla stagione 1989-90, tra i tifosi delle squadre rivali serpeggia una certa insofferenza come riporta il Mirror: "Anyone But Liverpool". Chiunque, ma non i Reds. Klopp incassa, ma non le manda a dire...

VINCERE PER VINCERE - Dispiaciuto, ma costretto a tirare dritto. I tifosi delle squadre rivali non sembrano in grado di poter reggere il Liverpool campione d'Inghilterra e stanno pregando i Reds falliscano ancora 29 anni dopo l'ultima volta. Nonostante questo però Klopp non ha intenzione di impiegare strategie "alla Sir Alex Ferguson": lo scozzese allo United infatti usava la strategia del "noi contro tutti" per avere la meglio sui gufi. Il tedesco invece fa il filosofo: "Non ci avevo mai pensato, ma io adoro vincere per vincere e non perché qualcuno debba perdere. Io non sono così". Filosofia a parte, Klopp la bordata l'ha rifilata eccome...

"NON MI INTERESSANO" - L'allenatore dei Reds si è scagliato contro i gufi del suo Liverpool: "Se le persone ottengono qualcosa dal fatto che non vinceremo, mi dispiace per loro. Non posso usarli come motivazione perché non sono persone che mi interessano. È una perdita di tempo per me pensare a qualcuno che perde. Se lo vinci, vinci e te lo sei meritato. 'Congratulazioni e andiamo avanti'. Io la vedo così". Alla fine Klopp un colpevole l'ha trovato: "Non so chi pensi di questo su di noi, ma probabilmente a Manchester non ci sono molti tifosi del Liverpool". Filosofia a parte, conta il campo dove il Liverpool finora sta meritando tutto ciò che si è conquistato.