Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Klopp – Guardiola, scintille: “Tifano per il Liverpool? Ne saprà più di me”, poi le scuse a Conte…

Klopp – Guardiola, scintille: “Tifano per il Liverpool? Ne saprà più di me”, poi le scuse a Conte… - immagine 1

Arrivo in volata in Premier. E scintille fra i conducenti...

Redazione Il Posticipo

Arrivo in volata in Premier. E scintille fra i conducenti. Secondo Guardiola, il Liverpool è molto più tifato del City in Inghilterra e gode anche di una buona stampa. La risposta del tecnico dei reds non si è fatta attendere ed è arrivata in conferenza stampa prima della sfida con l'Aston Villa (22:00). Le sue parole sono ripreso dal Liverpool Echo. 

CORSA - Tre punti da recuperare, tre partite da giocare. Secondo Klopp nulla è perduto. "Abbiamo ancora entrambi 3 partite da giocare, la mia preoccupazione è come vincerle. Per quanto riguarda il tifo, sicuramente molte persone qui vogliono che vinciamo il campionato, ma credo che non superino il 50%. A volte anche noi allenatori, dopo una partita siamo influenzati dalle sensazioni prima delle dichiarazioni. Ad esempio, quello che ho detto dopo gli Spurs, non lo ridirei. Al momento era solo la mia sensazione. Non so esattamente in che situazione si trovasse Pep. Era stato eliminato dalla Champions League, è abbastanza difficile da sopportare. Non ho comunque idea se l'intero Paese ci stia supportando.  Non ho però questa sensazione quando andiamo a giocare in trasferta. Forse è il contrario, ma forse lui ne sa più di me...".

Klopp – Guardiola, scintille: “Tifano per il Liverpool? Ne saprà più di me”, poi le scuse a Conte… - immagine 1

SCUSE- Arrivano anche le scuse ad Antonio Conte e al Tottenham. "Quello che ho detto dopo la partita degli Spurs non lo direi adesso. Era solo la mia sensazione dettata da quel momento. Un pareggio può essere un risultato che può capitare affrontando una squadra come il Tottenham. Abbiamo giocato una partita abbastanza buona contro un avversario incredibilmente organizzata. Quando ho parlato di funerale mi riferivo alla conferenza stampa non alla partita o tantomeno ai calciatori. Adesso pensiamo al futuro. Qualunque cosa accada domani sera, se vinciamo, aiuta. Se non ci riusciremo, sarà comunque un buon allenamento in vista della finale di Coppa. Per vincere tutto, del resto, esiste solo una possibilità: vincerle tutte".