Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Klopp e il mistero Buvac: “Abbiamo lavorato tanto assieme, poi le cose non hanno più funzionato…”

 (Photo by Ian MacNicol/Getty Images)

La rottura del rapporto con il suo storico vice Zeliko Buvac è un qualcosa su cui il tecnico tedesco non sembra ancora intenzionato a fare luce. Persino quando, durante un'intervista, decide di toccare spontaneamente l'argomento.

Redazione Il Posticipo

Nell'aprile 2018 scoppia una coppia particolarmente celebre del calcio mondiale. Zeliko Buvac, assistente di Klopp ormai da tempo immemore (prima al Mainz, poi al Borussia e infine al Liverpool), si dimette a poche ore dalla semifinale di ritorno di Champions League contro la Roma. Dall'Inghilterra si parla di addio, il club smentisce e parla di periodo di riposo fino alla fine della stagione, ma alla fine il bosniaco ad Anfield non ci mette più piede. Secondo i tabloid la clamorosa rottura tra il tecnico ed il suo fedelissimo è dovuta a divergenze tattiche e a un sempre minor coinvolgimento di Buvac nelle scelte. Un qualcosa di cui Klopp, che nel frattempo ha vinto la Champions e la Premier League, non ha mai parlato.

MISTERO - E per qualche motivo, si tratta di una rottura su cui il tecnico tedesco non sembra ancora intenzionato a fare luce. Persino quando, durante un'intervista su BTSport, decide di toccare spontaneamente l'argomento. "Ho lavorato con Zeljko Buvac per molto tempo. All'inizio aveva molta più esperienza di me e abbiamo lavorato a strettissimo contatto per molto tempo. Ma poi le cose non hanno più funzionato". Come? Klopp non lo spiega. In compenso Buvac la sua versione l'ha data un paio di anni dopo i fatti. O almeno, in un documentario video presente su Youtube, poi cancellato ma riportato dal Daily Mail, l'attuale direttore sportivo della Dinamo Mosca aveva spiegato quali delle dinamiche della coppia ormai scoppiata non gli andavano più bene.

LA VERSIONE DI BUVAC - "Mi sembra di aver fatto l'allenatore per 17 anni. Facevo il lavoro dell'allenatore, tranne parlare in pubblico e fare interviste. Ma se si escludono queste due cose, ricoprivo tutte le altre funzioni e ho cercato di influenzare tutte le squadre in cui ho lavorato al massimo per guidarle al successo. Ma non avevo bisogno di quel tipo di attenzione". Insomma, i meriti di una Champions e di una Premier League vinta non se li è presi Buvac ma...poco ci manca. E il bosniaco ha anche rivela di non aver chiamato nessuno al Liverpool dopo i successi dei Reds, neanche dopo la Premier arrivata a distanza di trent'anni dall'ultimo trionfo."Non mi sono congratulato con loro. Ero felice per il Liverpool, per i tifosi, per i calciatori, ma non l'ho fatto". E anche da qui si capisce come ci sia sotto qualcosa che nessuno vuole ancora rivelare...