Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Klopp chiede rispetto: “Non mi piace come parlano di noi. Non è giusto, siamo persone”

Il Liverpool pareggia la partita che passerà alla storia della Premier per la protesta del Leeds contro la Superlega

Redazione Il Posticipo

Il Liverpool pareggia la partita che passerà alla storia della Premier per la protesta del Leeds contro la Superlega Europea. Una situazione scomoda, soprattutto per Klopp, che già anni fa si era opposto all'idea di una competizione elitaria. Il tecnico dei reds ha parlato ai microfoni di Sky Sports dopo la sfida con la squadra di Bielsa chiarendo alcuni punti. Le sue parole sono riprese dalla BBC.

RISPETTO - Le magliette non gli sono piaciute. "Non credo sia giusto . Le ho trovate anche nel nostro spogliatoio, non credo che ce lo meritassimo. Non mi piace il modo in cui molte persone parlano del Liverpool. Questa è una squadra di calcio fantastica. Accetto le critiche per tutto, ma con questa decisione non abbiamo niente a che fare. Eppure si scrivono articoli su cosa si dovrebbe fare. La gente ci urla contro. Dobbiamo stare attenti perché anche noi siamo persone. Dobbiamo stare attenti. Certi discorsi non mi piacciono, così non va bene. I nostri proprietari sono persone fantastiche, cercheranno di spiegare le decisioni. Non so se le capirò, ma io alleno una squadra di calcio.  La Superlega non è una mia scelta".

SUPERLEGA - Il Liverpool attraverserà un momento complicato. Anche con i tifosi. Klopp ne è consapevole. "Ho già detto tante cose adesso. Non siamo stati coinvolti nel processo. Qualcuno ha preso una decisione. Non so esattamente perché. Ci saranno sicuramente delle ragioni. Però i tifosi del Leeds ci hanno urlato contro come se avessimo preso noi la decisione ma non l'abbiamo fatto. Per quanto riguarda il calcio, le cose cambieranno comunque fra qualche anno. La UEFA ha varato la nuova Champions, ci sono più partite di prima, non è che mi l'idea mi esalti, ma si giocherà ugualmente. Anche la FIFA ha l'idea di giocare un mondiale a squadre e anche in quel caso ho espresso il mio disappunto, ma non è cambiato niente. La situazione è questa".

tutte le notizie di