Klopp appoggia il lodo Solskjaer: “Se la Premier vuole un bel calcio, inizi a riflettere sugli orari”

Il tecnico del Liverpool che ha perso Arnold per infortunio, si sfoga nel dopo partita.

di Redazione Il Posticipo

Klopp soddisfatto del Liverpool visto contro il City, ma molto meno di quanto accaduto durante la sfida. Il tecnico tedesco ha perso Alexander Arnold per infortunio e ha una teoria precisa su quanto accaduto. Le sue parole sono riprese dalla BBC.

POLEMICA  – Klopp punta il dito contro un calendario fitto e degli orari complicati, sostenendo quanto già sollevato da Solskjaer. “Ho parlato con i dirigenti della Premier e ritengo che nessuna squadra che abbia giocato in Champions dovrebbe scendere in campo alle 12,30 di sabato. La domenica non è un problema, ma giocare un giorno prima significa alterare la fase di recupero. La Premier deve cambiare gestione e anche le TV devono parlarsi. Se si chiede un calcio di livello, allora occorre concedere qualche ora in più.  Dopo la pausa internazionale avremo dei ragazzi che giocheranno in Perù. Qualcuno deve cominciare a pensarci”.

SODDISFATTO – Al netto dello sfogo, Klopp torna a parlare di calcio. La sua squadra gli è piaciuta molto. “La partita ha offerto diversi spunti interessanti, anche dal punto di vista tattico. Entrambe le squadre hanno messo in campo un livello di intensità molto alto, cercando di sfruttare al massimo le opportunità. Si è giocato a un livello top,  ma penso che sia stata una delle partite in cui il City ha avuto il minor numero di palle gol. E questo rende un enorme merito ai miei ragazzi. Avevo chiesto di giocare un calcio rapido, per metterli in difficoltà ma non è stato sempre possibile giocare nello stretto quindi abbiamo anche optato per qualche lancio lungo, ma i ragazzi sono stati bravissimo a cambiare atteggiamento e ad adattarsi al match. Non siamo riusciti a vincerla, ed ovviamente è un peccato ma siamo stati comunque all’altezza del nostro avversario”.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy