Klopp, anatomia di un successo: “Dopo il 2018 ho capito che eravamo pronti a vincere”

Klopp, anatomia di un successo: “Dopo il 2018 ho capito che eravamo pronti a vincere”

Intervistato dal Liverpool Echo, Klopp racconta i passaggi principali che hanno riportato i Reds ad essere una delle squadre più forti e temute d’Europa.

di Redazione Il Posticipo

L’uomo del momento, l’allenatore che la Liverpool Reds ama alla follia: Jurgen Klopp, intervistato in esclusiva dal Liverpool Echo, racconta dei suoi progetti per far tornare in cima al mondo calcistico la squadra del Merseyside. Inizia dai primi giorni per poi arrivare ad oggi, con la sua squadra campione d’Europa e pronta a riportare ad Anfield un campionato che manca da più di trent’anni.

CHAMPIONS – Il primo passo è stato il ritonro Champions League. Stagione 2016-17: “Verso gennaio e febbraio abbiamo avuto delle difficoltà, ma la squadra ha lottato fino alla fine. Ricordo che quando ci siamo qualificati abbiamo festeggiato molto, e durante i festeggiamenti ricordo di aver realizzato “Ah, dobbiamo ancora giocare i preliminari”. Tanta euforia, quindi, per uno dei primi passi che hanno portato il Liverpool a tornare ad essere la regina d’Europa.

MERCATO – Il secondo passaggio per tornare ad essere grandi, passadal mercato, con un nome in particolare: “No, certo che no, non credevo che Salah potesse avere questo impatto”. Per l’egiziano, il Liverpool ha speso la cifra record di 36.9 milioni di sterline: “Il modo in cui giochiamo lo aiuta, è un ruolo completamente diverso da dove ha giocato prima: è lui l’uomo principale nelle situazioni decisive. Non credevamo potesse segnare così tanto”.

VITTORIA – Non sono bastati: finale di Champions persa con il Real Madrid: “Non siamo stati sovrastati o qualcosa di simile, ma è stata solo sfortuna per vari motivi. E questo ci ha dato molta fiducia. Dopo la sconfitta ci è stato chiaro: eravamo pronti per il prossimo passo“. E ha cambiato qualcosa: “Nessun segreto. Ho solo mescolato un po’ di pragmatismo al bel gioco”. Detto e fatto.  Liverpool Campione d’Europa. Adesso manca la Premier. “Non posso dire che il City l’anno scorso non abbia meritato ma adesso sappiamo cosa fare. Impariamo come sempre, dalle esperienze. Sin adesso, mi sembra che l’abbiamo fatto”. E dunque…il dado è tratto.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy