Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Klopp adora Haaland ma ha un problema…telefonico: “Una forza della natura, ma non ho il suo numero!”

(Photo by Christof Koepsel/Bongarts/Getty Images)

Jürgen Klopp apprezza parecchio uno dei maggiori talenti del calcio mondiale, ma non ha modo di contattarlo... Si parla, neanche a dirlo, di Erling Braut Haaland. E dire che di possibilità di trattarlo, il tedesco ne ha parecchie!

Redazione Il Posticipo

La crisi c'è, ma non proprio per tutti. Basterebbe vedere il Paris Saint-Germain, che prende a parametro zero calciatori come Messi, Donnarumma, Sergio Ramos e Wijnaldum, ma comunque spende parecchio per i loro ingaggi e poi paga anche il cartellino di Hakimi. E anche in Inghilterra, nonostante i problemi, c'è chi investe cifre importanti. Lo United ha preso Sancho, il Chelsea Lukaku, e il City Grealish. E il Liverpool? I Reds hanno sistemato la difesa con l'arrivo di Konatè, ma per quanto riguarda il resto della rosa, ci sono parecchi dubbi. E non solo perchè Klopp cerca da sempre inserimenti mirati, non volendo spendere per calciatori che non lo convince al 100%.

HAALAND - C'è anche una questione...personale, che riguarda la rubrica telefonica del tedesco. Che, come ha spiegato ai microfoni di BildTV, apprezza parecchio uno dei maggiori talenti del calcio mondiale, ma non ha modo di contattarlo... Si parla, neanche a dirlo, di Erling Braut Haaland. Uno che ha il gol nel sangue e che gioca al Borussia Dortmund, la vecchia squadra di Klopp, dove il tecnico di Stoccarda ha lasciato splendidi ricordi e anche tantissimi amici. Al punto che viene ovvio pensare che gli stretti contatti con la dirigenza giallonera possano essere utilissimi al Liverpool per provare a portare ad Anfield il norvegese, che al momento è certamente tra i calciatori più desiderati del mondo.

 (Photo by Peter Powell - Pool/Getty Images)

TELEFONO - Del resto, a Klopp Haaland piace e non potrebbe essere altrimenti. "Quel ragazzo è una forza della natura, che ha un'energia tutta sua. È un giocatore assolutamente incredibile, divertentissimo da vedere". Ma anche magari da allenare. Peccato che, anche volendo, il tedesco non abbia modo di contattare direttamente il norvegese. "Non ho il suo numero sul telefono". Problema che però sarebbe rapidamente superabile con una chiamata all'amico Watzke, amministratore delegato del club e compagno di bisboccia dell'allenatore del Liverpool ai tempi dei trofei festeggiati al Signal Iduna Park. Dunque, mai dire mai. Anche perchè, come dice un vecchio adagio valido un po' in tutto il mondo, volere e potere. E un numero di telefono non è così impossibile da trovare...