Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Klinsmann si propone agli spurs: “Levy ha il mio numero. Prenderei in considerazione l’offerta…”

BERLIN, GERMANY - NOVEMBER 30:  Jurgen Klinsmann, Manager of Hertha BSC looks on prior to the Bundesliga match between Hertha BSC and Borussia Dortmund at Olympiastadion on November 30, 2019 in Berlin, Germany. (Photo by Boris Streubel/Bongarts/Getty Images)

Jurgen Klinsmann si candida alla panchina del Tottenham. L’ex di turno (29 gol con gli spurs) in una intervista a Sky Sports ha affrontato diversi argomenti, fra cui un eventuale futuro del club del North London. E non ha nascosto...

Redazione Il Posticipo

Jurgen Klinsmann si candida alla panchina del Tottenham. L'ex di turno (29 gol con gli spurs) in una intervista a Sky Sports ha affrontato diversi argomenti, fra cui un eventuale futuro del club del North London. E non ha nascosto l'idea di poter allenare  gli Spurs.

FUTURO - Il Tottenham ha vissuto una stagione particolare: "Sembrava di essere sull'ottovolante. La squadra era in testa e sembrava possibile sognare, poi alla fine è stata una fortuna riuscire a centrare la qualificazione in Champions League. Credo che vi sia un problema di approccio. I tifosi degli Spurs, non potendo vincere molto, vogliono divertirsi. E  paradossalmente sarebbero più congtent di perdere 4-3 una sfida emozionate  piuttosto che vincere 1-0 senza emozionarsi. In ogni caso Daniel Levy ha il mio numero, può chiamarmi in qualsiasi momento. Una offerta sarebbe presa in seria considerazione.  Del resto il calcio è pieno di nuove sfide. Ho allenato la Germania e gli USA, perché non vedo perché non dovrei accettare una proposta degli spurs".

KANE - Anche senza Kane. "Provo grande simpatia per lui. Harry è una bandiera, si è impegnato molto per il club. Di certo ha grande mercato. E una sua partenza garantirebbe un tesoretto interessante da reinvestire sul mercato. Anche io fo hatto una scelta simile nel 1995. Volevo vincere un trofeo e cin sono riuscito con il Bayern. Certo, la partenza di Kane sarebbe un problema, perchè innescherebbe altri potenziali addii. In primis quello di Son. L'unica, in questi casi, è sedersi e discutere bene delle potenzialità e delle prospettive. La base del Tottenham è solida e qualitativa. Con un paio di innesti sarebbe competitiva. Senza Kane però diverrebbe complicato restare ai vertici".

EUROPEI - Spazio anche per un commento sui prossimi europei. Klinsmann ritiene che l'Inghilterra possa recitare un ruolo importante. "Ero in Russia e ho avuto il piacere di seguire le partite dell'Inghilterra. Sono rimasto molto sorpreso e impressionato dalle prestazioni della squadra di Southgate che ha alzato l'asticella a un livello davvero molto alto.  Ovviamente ci vuole un po' di fortuna per arrivare in finale e vincerla, ma hanno una buonissima squadra. Merito anche della Premier.  I club lavorano benissimo. Reclutano giocatori stranieri di altissimo livello e si tengono i migliori con giocatori britannici. Funziona molto bene".