Keylor Navas saluta il Bernabeu, stampa costaricense all’attacco: “Il Real è una macchina senza cuore che trita gli uomini”

Keylor Navas saluta il Bernabeu, stampa costaricense all’attacco: “Il Real è una macchina senza cuore che trita gli uomini”

Il portiere si è congedato dai Blancos dopo cinque stagioni. Il suo addio però è passato quasi in sordina rispetto a quello di altri compagni di squadra. Zinedine Zidane ha salutato freddamente Keylor Navas… e la stampa costaricense non ci sta!

di Redazione Il Posticipo

A Keylor Navas avere un contratto fino al 2021 non è bastato per essere certo di restare. Il portiere costaricense saluta il Real Madrid al termine di una stagione dura, in cui la concorrenza di Thibaut Courtois e i cambi in panchina hanno finito per fargli perdere terreno anche rispetto ai colleghi più giovani Andrij Lunin e Luca Zidane, rilanciato dal padre-tecnico una volta ritornato a Madrid. Dopo cinque stagioni Keylor Navas saluta tutti senza fare polemiche.

ADDIO – Real-Betis ha lasciato il segno su molti uomini scesi in campo. Al fischio finale da un lato Quique Setién ha perso la panchina nonostante l’impresa compiuta al Santiago Bernabeu, dall’altro Keylor Navas ha salutato tutti dopo novanta minuti vissuti col cuore in gola… alla faccia di Gareth Bale (un altro con la valigia in mano!) che ha passato il tempo a ridere in panchina con Toni Kroos nonostante la sconfitta per 2-0! Il portiere si è portato la mano sul cuore e ha fatto il giro di campo strappando gli applausi del suo pubblico. Il compagno di squadra Federico Valverde lo ha salutato con grande dispiacere: “Non posso dire quello che Keylor ci ha detto prima della partita… Posso solo ringraziarlo, è stato come un padre per me”. In difesa di Navas però si è schierata la stampa costaricense.

L’ATTACCO – L’addio di Navas ai Blancos ha fatto molto rumore Oltreoceano. La stampa sportiva del Costa Rica ha attaccato pesantemente la politica attuata dal club del presidente Florentino Perez. L’editorialista Danilo Jiménez è stato durissimo sulle colonne de La Nación: “Il Real Madrid a volte sembra una macchina senza cuore che trita gli uomini”. Il portiere si è congedato dal club 1.699 giorni dopo il suo debutto ufficiale contro l’Elche e soprattutto dopo tre Champions League vinte di fila da titolare… prima che a Valdebebas arrivasse Courtois! Il portiere si è distinto dal compagno Bale al momento dei saluti: il costaricense a differenza del gallese non ha alcuna intenzione di dare problemi al Real nonostante il trattamento ricevuto. Navas appartiene a una specie di calciatori in via di estinzione?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy