Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Keane in tackle sullo United: “Con questi ragazzi mi arrendo: sembrano ubriachi a fine serata”

(Photo by Stu Forster/Getty Images)

Red Devils che si scoprono fragili come e più dello scorso. E ad alimentare le polemiche c'è Roy Keane

Redazione Il Posticipo

Lo United esce sconfitto  anche nella stracittadina che consegna al City superiorità tecnica e cittadina.  Uno 0-2 che sta molto stretto alla squadra di Guardiola che ha risparmiato ulteriori umiliazioni agli avversari preferendo gestire piuttosto che affondare. Il derby di Manchester lascia in eredità la certezza che i Campioni d'Inghilterra sono ancora di un'altra categoria per i Red Devils che si scoprono fragili come e più dello scorso. E senza Ronaldo che toglie le castagne dal fuoco, arriva l'ennesima scottatura. E ad alimentare le polemiche c'è Roy Keane. Il suo giudizio sullo United e sulle prospettive della squadra non lascia spazio alle interpretazioni.

POVERTA'  - L'ex centrocampista ha espresso a skysports il proprio disappunto. "Una vittoria comoda per il Manchester City. Del resto, hanno appena giocato con il Manchester United.Questa prestazione è stata anche peggiore rispetto alla sconfitta contro il Liverpool. Partita di una povertà assoluta: la differenza di classe, qualità, organizzazione e personalità è evidente. Il primo gol dopo pochissimi minuti ha ucciso la partita. Lo United aveva il tempo per riorganizzarsi, ma non c'è riuscito"

UBRIACHI - L'ex Red Devil entra in tackle su singoli e collettivo. "Lo United è totalmente fuori di testa, è stato annientato. Se guardo Shaw e De Gea mi chiedo che possibilità possa avere questa squadra. Mi sono arrabbiato con questi calciatori per anni, ma ormai ho deciso di lasciare perdere. Mi arrendo. McTominay sta ancora imparando e non è pronto. Come Fred a centrocampo. Questi giocatori non sono abbastanza bravi per il Manchester United. Una squadra che sembra un ubriaco a fine serata in cerca di una rissa".

OLD TRAFFORD - Keane ha poi posto l'accento sulla improvvisa violabilità dell'Old Trafford. Da fortino inespugnabile a terreno di conquista. "Phil Foden aveva detto che era difficile venire a giocare qui. In realtà non mi sembra un posto così complicato. Per informazioni basta chiedere al Liverpool, al West Ham e all'Aston Villa. Mi sembra che chiunque arrivi all'Old Trafford abbia buone speranza di uscirne felice. So che il rendimento esterno dello United è stato straordinario nelle ultime stagione, ma alla fine è nelle partite casalinghe che si mettono le basi per essere competitivi in campionato.