Kean è stufo delle polemiche e contrattacca: “Non parlate della mia vita quando la vostra non è da esempio”

Kean è stufo delle polemiche e contrattacca: “Non parlate della mia vita quando la vostra non è da esempio”

L’impatto con la Premier League di Moise Kean non è stato come ci si poteva aspettare. L’azzurro all’Everton vede il campo con il contagocce e ci si è messo anche papà Jean, che ha criticato la bontà della decisione di suo figlio. Che però ha deciso di rispondere via social.

di Redazione Il Posticipo

L’impatto con la Premier League di Moise Kean non è stato come ci si poteva aspettare. L’azzurro è arrivato all’Everton per una cifra vicina ai trenta milioni di euro, ma al momento vede ancora il campo con il contagocce. Il tecnico Marco Silva lo ha redarguito prima della pausa, lasciando intendere che la sua mancata convocazione nell’ultimo match dei Toffees è stata dovuta a comportamenti poco apprezzati. E poi ci si è messo anche papà Jean, che ha rilasciato dichiarazioni riguardo la bontà della scelta di suo figlio. Un errore, secondo il parere del genitore dell’ex Juventus, andare all’Everton. Meglio tornare in Italia.

RISPOSTA – Magari per giocare con l’amico Zaniolo, visto che la Roma sembra sulle tracce del classe 2000. Ma a rispondere a suo padre ci pensa lo stesso Kean. Che non nasconde le difficoltà che sta vivendo all’Everton, ma allo stesso tempo non vuole che siano gli altri a parlare per lui. Soprattutto un genitore con cui il rapporto non è esattamente buono. E quindi, attraverso il suo seguitissimo account Instragram, Kean lascia un messaggio non troppo complicato da interpretare. Il testo della storia…parla da solo: “Non parlate della mia vita quando la vostra non è da esempio. Io non temo i momenti difficili, il meglio viene da lì. Grazie”.

DIMOSTRARE – Destinatari? Quasi certamente papà Jean, ma con molta probabilità anche quelli che hanno cavalcato le polemiche che riguardano il suo primo periodo in Premier League. Dalla dichiarazione bellicosa, l’intenzione del calciatore sembra quella di dimostrare il suo valore nel campionato inglese, non facendosi sconfiggere dalle difficoltà. Del resto, come ha detto il suo stesso allenatore, non è mai semplice per un ragazzo di neanche vent’anni ambientarsi in un torneo competitivo e complicato come la Premier. Al momento, dunque, arrendersi e tornare in Italia non sembra tra le idee di Kean. Ma conoscendo il ragazzo, mai dire mai…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy