Kean e i suoi fratelli: l’Italia del 2000 ha prospetti niente male…

Kean e i suoi fratelli: l’Italia del 2000 ha prospetti niente male…

Dopo essere diventato il primo calciatore della storia della nazionale italiana nato dopo il 2000, Kean si mette in luce con una doppietta all’Udinese. E in vista di Qatar 2022, la nuova generazione, quella dei ragazzi con il 2 davanti, scalda i motori…

di Redazione Il Posticipo

Kean

(Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

Kean, che serata. L’attaccante della Juventus torna a brillare in maglia bianconera contro l’Udinese. Doppietta, ma anche personalità. Il ragazzo ha preferito restare a Torino piuttosto che andare a giocare altrove per imparare dai migliori, ma sa sfruttare, eccome, le occasioni concesse da Allegri. Difficile immaginarlo titolare contro l’Atletico, molto più probabile vederlo protagonista con la maglia azzurra. Potenziale titolare della Nazionale U21 che si giocherà l’Europeo in casa, ma, complice la presenza di Mancini in nazionale, uno che non guarda affatto la carta d’identità, potrebbe mettere in preventivo anche la presenza fra i “grandi” a  Euro 2020. Resta comunque il simbolo della nuova generazione, quella dei millennials.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy