Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Karius non riesce più a rialzarsi: pur di non riscattarlo, il Besiktas gli offre la rescissione del contratto…

Nel mondo del calcio, novanta minuti possono segnare una carriera, nel bene e nel male. E nel caso di Loris Karius, non c'è neanche da chiedersi in che direzione sia accaduto. Il portiere tedesco non si è ancora ripreso dalla nottataccia di Kiev...

Redazione Il Posticipo

Nel mondo del calcio, novanta minuti possono segnare una carriera, nel bene e nel male. E nel caso di Loris Karius, non c'è neanche da chiedersi in che direzione sia accaduto. Il portiere tedesco non si è ancora ripreso dalla nottataccia di Kiev, quando con la maglia del Liverpool ha praticamente regalato la Champions League al Real Madrid con due papere troppo assurde per essere vere. Da quel momento, l'estremo difensore è scivolato in un incubo calcistico che sembra non aver fine. Abbandonato dal Liverpool, che gli ha preferito Alisson, ha cercato di ricostruirsi una carriera e una serenità in Turchia, al Besiktas. Esperimento fallito.

RESCISSIONE - Come riporta AS, il club bianconero sta infatti facendo di tutto per non dover rispettare l'obbligo di acquisto stabilito due estati fa con il Liverpool. L'accordo prevede il riscatto obbligatorio per dieci milioni di sterline nel caso il tedesco avesse giocato entrambe le stagioni in Turchia. E per evitarlo, il Besiktas è pronto a offrire la rescissione consensuale a Karius, l'unico modo possibile per far sì che l'estremo difensore non chiuda la sua seconda annata a Istanbul, costringendo i turchi a pagare. Un'idea che, spiegano dalla Spagna, è condivisa anche dallo stesso calciatore, che non ha alcuna intenzione di rimanere da quelle parti e che dall'accordo guadagnerebbe comunque i due mesi di stipendio rimanenti.

FUTURO - Cosa riserva dunque il futuro a Karius? Difficile a dirsi. Una volta rescisso con il Besiktas, in teoria il tedesco dovrebbe tornare a Liverpool, considerato che con il club inglese ha un contratto che scade nel 2022. Ma nè lui nè Klopp sembrano intenzionati a rivedersi, se non altro perchè ormai ad Anfield le gerarchie sono cristallizzate: Alisson titolare inamovibile e Adrian secondo portiere. Dall'Inghilterra filtra un timido interesse da parte del Wolverhampton, ma non certo per offrirgli un trasferimento definitivo e un posto da numero uno: al Molineux Karius arriverebbe in prestito e come secondo di Rui Patricio. Certo, considerando la situazione, meglio di niente. Ma pensando che neanche due anni fa il tedesco era il portiere che ha giocato da titolare una finale di Champions League, si comprende quanto la notte di Kiev gli abbia davvero rovinato la carriera...