Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Karius, è ancora polemica: “Vogliono farlo passare per l’Uomo Nero, ma gli arretrati non c’entrano niente con il coronavirus”

Dopo le due papere nella notte di Kiev che gli hanno segnato la carriera, Loris Karius pensava di ripartire dalla Turchia, dal Besiktas. Ma anche lì non gli è andata molto bene. E ora chiede la rescissione del contratto e di ricevere degli...

Redazione Il Posticipo

La carriera calcistica di Loris Karius è cambiata per sempre in pochi minuti. Novanta, quelli della finale di Kiev tra il Real Madrid e il suo Liverpool, che ha regalato ai Blancos la terza Champions consecutiva e che ha spedito il portiere tedesco in un vero e proprio inferno. Non uno, ma addirittura due errori pazzeschi che sono costati la partita ai Reds, nel match più importante della sua carriera. Quanto basta per finire in un tunnel negativo, fatto di tante altre papere e di un addio al Liverpool che era diventato inevitabile. Karius pensava di ripartire dalla Turchia, dal Besiktas, ma anche lì non gli è andata molto bene.

DIRIGENZA - Al punto che, come ha spiegato qualche giorno fa il dirigente del club turco Erdal Torunogullari, il portiere si è rivolto alla FIFA per ben due ragioni. Chiede l'annullamento del suo contratto, anche per evitare che al termine del prestito biennale il Besiktas debba riscattarlo obbligatoriamente. Ma soprattutto vuole che la società gli paghi alcuni stipendi che non gli sono stati corrisposti. Per il dirigente, però, sono pretese che non stanno nè in cielo nè in terra. "Karius si è rivolto alla FIFA per i suoi stipendi non pagati e per la cancellazione del suo contratto.  Vuole che lo paghiamo per i mesi in cui non ha potuto giocare. Lui vuole andarsene ed è una decisione sua, ma noi non vogliamo pagarli soldi che non si merita".

UOMO NERO - Al riguardo però interviene il procuratore del tedesco. Come riporta Goal, Florian Goll non apprezza il fatto che il suo assistito venga dipinto come qualcuno che va a battere cassa nel momento in cui il Covid-19 sta creando parecchi problemi a moltissime società. "Condanno fortemente il fatto che i rappresentanti del Besiktas vogliano far passare Loris per l'Uomo Nero. I pagamenti non hanno assolutamente nulla a che vedere con la crisi del coronavirus, anche se il club vuole comunicare questo messaggio". In ogni caso, Goll ci tiene a precisare che per il momento il contratto di Karius non è ancora stato rescisso: "Loris è un giocatore del Besiktas". Sì, ma chissà per quanto...