calcio

Juventus, tutto su Jorginho: no del Chelsea allo scambio con Ramsey, ma Marina è disposta a trattare…

Con il mercato che si avvicina (anche se è più lontano del solito, causa coronavirus), il nome di Jorginho è tornato parecchio di moda per la Juventus. E i bianconeri pensa a qualche possibile nome per uno scambio, tra cui quello del gallese....

Redazione Il Posticipo

Che tra Sarri e Jorginho ci sia un rapporto speciale è difficile da negare. Il centrocampista italo-brasiliano è stato uno dei segreti del Napoli e quando è partito per Londra, direzione Chelsea, il tecnico se lo è portato. Prima sono arrivate le critiche (per entrambi), poi la vittoria in Europa League e gli applausi. Poi la coppia è scoppiata, con il calciatore dei Blues che ha fatto di tutto per togliersi di dosso l'etichetta di pupillo di Sarri. Peccato che, con il mercato che si avvicina (anche se è più lontano del solito, causa coronavirus), il suo nome sia tornato parecchio di moda per la Juventus.

CONTROPARTITA - Il DailyExpress spiega infatti che i bianconeri hanno offerto una contropartita per ottenere Jorginho. Aaron Ramsey, che tornerebbe così in Premier League dopo appena una stagione, ma con la maglia dei Blues. Non proprio il massimo della vita per chi è stato una vita all'Arsenal. Il centrocampista andrebbe a sostituire numericamente proprio Jorginho, con caratteristiche forse più adatte al gioco dei Blues rispetto all'azzurro. Peccato che, da quanto spiegano dall'Inghilterra, il Chelsea ha nicchiato all'idea. Gli obiettivi di Lampard e soci al momento sono altri, con la volontà di arrivare ad Havertz e a Chilwell.

TRATTATIVA - Ma non tutto è perduto. Jorginho resta comunque fuori dai piani di Lampard, quindi c'è la volontà di liberarsi dell'azzurro. Il problema, casomai, nasce dalla valutazione dell'italo-brasiliano. Jorginho è arrivato a Londra per oltre sessanta milioni di euro. E anche se il Chelsea non è esattamente un club con problemi economici, la plenipotenziaria di Abramovich, Marina Granovskaia, non è di certo disposta a lasciare andare il calciatore a prezzo di saldo. Allo stesso tempo, però, i Blues sembrano pronti a trattare la cessione del centrocampista, preferibilmente senza scambi per poi dirottare i soldi ricevuti su altre trattative. Se son rose, dunque, fioriranno. E chissà che la grande coppia non si riunisca per la terza volta, stavolta in bianconero...