Le migliori contro la Juventus? Benevento e Verona!

Con la rete di Cerci a Pinsoglio, il Verona raggiunge il Benevento nel novero delle uniche squadre capaci di segnare alla Juventus campione d’Italia sia all’andata che al ritorno.

di Redazione Il Posticipo

Finire il campionato all’ultimo e al penultimo posto non è il massimo. Ma bisogna dire che, visti i valori in campo, Benevento e Verona se la sono giocata con tutti il furore agonistico possibile, cercando di rendere la vita complicata alle altre diciotto squadre. E ora che il campionato è finito, almeno per la squadra in questione, le due retrocesse si prendono un record che ha dell’assurdo. Con la rete di Cerci a Pinsoglio, il Verona raggiunge il Benevento nel novero delle uniche squadre capaci di segnare alla Juventus campione d’Italia sia all’andata che al ritorno. E in nessuno dei quattro match c’era in porta Buffon al momento del gol!

BENEVENTO – Il Benevento ha avuto addirittura l’onore di andare in vantaggio all’Allianz Stadium nella partita di andata, con Ciciretti che ha sfruttato una barriera piazzata non perfettamente da Szczesny per segnare su calcio di punizione. Alla fine i bianconeri hanno portato a casa il successo, ma per una settantina di minuti i sanniti hanno potuto sognare. Al ritorno non è stata molto più semplice per gli uomini di Allegri, che sono stati raggiunti due volte dalla squadra di De Zerbi, salvo poi vincere per 2-4. Ma la doppietta di Diabate porta a tre le reti segnate in due partite dai sanniti ai campioni d’Italia.

VERONA – Un risultato che poteva rimanere unico, se non ci avesse messo lo zampino un’altra delle retrocesse. A fine 2017 è toccato a un grande ex, Caceres, trafiggere Szczesny, pareggiando il vantaggio bianconero al Bentegodi. Una doppietta di Dybala regala i tre punti alla Juventus, ma il Verona ancora non ha chiuso il suo conto con la Juventus. Che nel giorno dell’addio di Buffon riesce a mantenere inviolata la porta finchè in campo c’è Gigi, salvo poi vedere capitolare il nuovo entrato Pisnsoglio per colpa di Cerci. Una rete a suo modo storica, che legittima ulteriormente la stagione dei due fanalini di coda della Serie A. Due squadre che saranno anche retrocesse, ma che contro i campioni d’Italia hanno fatto molto più di tanti altri club.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy