Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Juventus, fine di un ciclo: cosa faceva nel 2012 chi sta per deporre lo scettro?

(Photo by Tullio M. Puglia/Getty Images)

Nella stagione 2011/12 la Juventus torna a dominare il calcio italiano, con il primo scudetto dell'era post-Calciopoli. Cosa facevano all'inizio del ciclo coloro che adesso lo stanno di fatto chiudendo?

Redazione Il Posticipo

COME ERAVAMO

 BUDAPEST, HUNGARY - NOVEMBER 04: Giorgio Chiellini and Leonardo Bonucci of Juventus gestures during the UEFA Champions League Group G stage match between Ferencvaros Budapest and Juventus at Groupama Arena on November 04, 2020 in Budapest, Hungary. (Photo by Daniele Badolato - Juventus FC/Juventus FC via Getty Images )

POR PRIMERA VEZ

 (Photo by Laurence Griffiths/Getty Images)
—  

"Curioso anche quanto accade a CristianoRonaldo, che nel 2011/2012 é paradossalmente anche lui all'inizio di un ciclo. Il fuoriclasse portoghese, quando la Juventus inizia a racimolare scudetti, accelera nella sua personalissima rincorsa alla gloria personale. Nello stesso periodo quattro Palloni d’Oro e altrettante Champions con il Real. Il 2011/2012 però è un anno particolare anche per lui: a novembre riceve per la seconda volta la Scarpa d'Oro dopo il 2008 grazie ai 40 gol segnati l'anno precedente. Il 2 maggio 2012 conquista il suo primo campionato spagnolo con Mourinho in panchina. Più tardi inizierà anche a collezionare Champions...

APPRENDISTATO

 TURIN, ITALY - SEPTEMBER 20: Rodrigo Bentancur of Juventus controls the ball during the Serie A match between Juventus and UC Sampdoria at Allianz Stadium on September 20, 2020 in Turin, Italy. (Photo by Filippo Alfero - Juventus FC/Juventus FC via Getty Images)
—  

Mentre la Juventus apriva il proprio ciclo di vittorie, Bentancur, classe 1997, era in pieno apprendistato. Il centrocampista sudamericano aveva da poco lasciato casa per trasferirsi in Argentina, nelle giovanili del Boca Juniors dove inizia immediatamente a far intravedere doti superiori alla media: debutterà in prima divisione tre anni dopo il primo scudetto bianconero nel 2015.

MINIMO SINDACALE

 TURIN, ITALY - JANUARY 03: Paulo Dybala of Juventus F.C. celebrates after scoring their team's fourth goal during the Serie A match between Juventus and Udinese Calcio at Allianz Stadium on January 03, 2021 in Turin, Italy. Sporting stadiums around Italy remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)
—  

Dybala, anche lui fra i protagonisti del ciclo bianconero, è poco più che maggiorenne nell'anno di grazia 2011/2012. Il classe 1993 ha già le stimmate del predestinato. In quegli anni gioca il suo primo campionato da professionista in Primera B Nacional, la serie B argentina, giocando con uno stipendio da 4000 pesos, al minimo sindacale nell'Instituto Cordoba.

TEENAGER

—  

Quando nel maggio 2012 la Juventus vince il primo degli otto titoli consecutivi, c'era qualcuno che andava...ancora a scuola. All'epoca Matthijs de Ligt, classe 1999, doveva ancora compiere 13 anni si divideva ancora tra i libri e le giovanili dell'Ajax, dove veniva schierato come centrocampista offensivo e...si faceva foto con Luis Suarez. Otto anni dopo rappresenta il presente e il futuro della difesa bianconera, dopo essere diventato capitano dei Lancieri ad appena 19 anni. Quando si dice...bruciare le tappe!

CHAMPIONS

 (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)
—  

Szczesny è un classe 1990 e nel 2011/2012 ha già 21 anni. Quanto basta per essere già un calciatore di profilo internazionale. La stagione del primo degli otto scudetti bianconero coincide con quella del suo esordio da titolare in Champions League. Il polacco difende i pali dell'Arsenal e il debutto è niente male se lo ricordano bene i tifosi dell'Udinese. Neutralizza, nel ritorno dei play off Champions, un rigore di Antonio Di Natale decisivo ai fini del passaggio del turno preliminare.

ALEX SANDRO

 TURIN, ITALY - APRIL 11: Lionel Messi of Barcelona is challenged by Alex Sandro of Juventus during the UEFA Champions League Quarter Final first leg match between Juventus and FC Barcelona at Juventus Stadium on April 11, 2017 in Turin, Italy. (Photo by Mike Hewitt/Getty Images)
—  

Alex Sandro era abituato a trattarsi bene. L'esterno brasiliano e la Juventus hanno iniziato a collezionare scudetti...insieme. Nel 2011, poco più che ragazzo, attraversa l'Oceano Atlantico, destinazione Oporto. A luglio i lusitani sborsano 9,5 milioni di euro per assicurarsi le prestazioni del brasiliano che debutta a febbraio e contribuisce alla vittoria del titolo.

ULTIMI ARRIVATI

—  

I due arrivi più recenti in casa bianconera, Rabiot e Ramsey, nel maggio 2012 sono...alle prime armi, o quasi. Il francese sta aspettando di fare il suo esordio con la maglia del Paris Saint-Germain, che arriverà nella stagione successiva. Il gallese invece si gode la sua prima vera stagione da titolare all'Arsenal, dopo qualche prestito e un'annata in cui spesso e volentieri subentra. Il destino, poi, li ha fatti incontrare nella mediana bianconera...