Juventus-Dybala, poca Joya…in tutti i sensi

Dybala, Oscar come miglior attore non protagonista a Crotone. Assente ingiustificato di una serata che riapre il dibattito sul valore assoluto del giocatore.

di Redazione Il Posticipo

Crotone- Juventus: Simy si prende la scena con una rovesciata alla Cristiano Ronaldo. L’Oscar come miglior attore non protagonista del match dello “Scida” va però a Dybala. Una bella…statuina nel senso pieno del termine. Assente ingiustificato di una serata che riapre il campionato e il dibattito sul valore assoluto del giocatore.

SCOMPARSO – Dybala è scomparso dal campo. Con il Crotone, letteralmente, camminava. Un film già visto e poco gradito con la SPAL quando l’argentino si è limitato a trotterellare per il campo senza incidere o forse in attesa che, in un modo o nell’altro, sarebbe arrivato il pallone giusto. Ecco, appunto. Ciò che infastidisce e, insieme, alimenta i dubbi sul calciatore argentino è la “pigrizia”. Intesa come indolenza. Dybala aspetta il pallone, non se lo va a cercare né a prendere. E confida troppo spesso nel suo talento, convinto che gli sia sufficiente per risolvere la gara. Beh, è giusto avere autostima, ma è altrettanto innegabile che presumere sia l’anticamera dell’errore. In questo caso non tanto di gioco, quanto di atteggiamento. La partite, anche e soprattutto contro squadre come SPAL e Crotone, vanno giocate con maggiore intensità. Del resto, dall’altra parte vi sono squadre organizzate e spinte dalla forza dei nervi. Una difesa del Crotone concentrata e “feroce” può avere la maglio su un Dybala svogliato.

NUMERI – La Juventus, a questo punto si interroga sul peso specifico dei numeri. La quantità, del resto, non si discute. Dybala, in una stagione non esattamente indimenticabile, ha comunque realizzato ventuno gol. Cifra tutt’altro che disprezzabile. Resta da capire se il calciatore sia in grado di fungere da discriminante solo in Italia o se può spostare l’ago della bilancia anche in Europa. I risultati, al netto delle reti realizzati al Barcellona e al Tottenham, non sono confortanti. La sensazione è che l’argentino sia e resti, a livello internazionale, uno straordinario giocatore da colpi. Tecnicamente formidabile ma sprovvisto di continuità e personalità ad alti livelli. Nel senso che se la squadra non gira è il primo ad affondare. Una valutazione che potrebbe pesare, eccome, nel caso di un’offerta indecente. E se arriva, questa volta, potrebbe essere la Juventus a invitare Dybala a fare le valigie.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy