Juventus, con Cristante continua la linea (nero) azzurra?

Juventus, con Cristante continua la linea (nero) azzurra?

Bryan Cristante, cresciuto nel Milan ma ora di proprietà del Benfica, sta facendo faville a Bergamo. E la Juventus pare voler puntare sull’italo-canadese per il suo centrocampo…

di Redazione Il Posticipo

Il filo rosso che lega Juventus e Atalanta, uno dei vivai più importanti del calcio italiano, è lungo e ha portato a Torino talenti che poi hanno fatto le fortune della Vecchia Signora. Basta pensare a Gaetano Scirea, nato calcisticamente in nerazzurro e poi diventato campione e simbolo della squadra bianconera. Ma all’Atalanta, oltre a produrre calciatori di alto livello (Conti, Bonaventura, Caldara, tanto per citare gli esempi più recenti), hanno anche parecchio occhio per assicurarsi giovani dal futuro luminoso, ma che provengono da altri settori giovanili. È l’esempio di Bryan Cristante, cresciuto nel Milan, ora di proprietà del Benfica, ma che sta facendo faville a Bergamo.

Cristante, un predestinato

L’italo-canadese, che della patria di sua madre si porta dietro un fisico che non sfigurerebbe su una pista da hockey, sta finalmente mantenendo le promesse. Quando nel 2009 se lo assicura il Milan, ad appena quattordici anni, il giudizio è pressochè unanime: un predestinato. E con questa pesante etichetta Cristante completa tutta la trafila delle giovanili, per poi esordire a sedici anni in Champions League. Sembra l’inizio di un sogno, ma qualcosa non va. Il Milan decide di non puntare più si di lui e lo vende al Benfica per sei milioni di euro. Affare per i portoghesi? A prima vista non sembra, perchè le aquile cominciano a girarlo in prestito. Palermo, Pescara, poi, finalmente, arriva l’Atalanta.

È arrivata anche la Nazionale

Prestito, poi prolungato per un altro anno e soprattutto un diritto di acquisto per soli quattro milioni di euro a fine stagione. Ecco, l’affare, semmai, l’hanno fatto Percassi e Zamagna, perchè adesso Cristante di milioni ne vale perlomeno venti. È arrivato l’esordio in nazionale, seppur nella sfortunata partita contro la Macedonia, e sono arrivate le attenzioni delle grandi squadre, con in testa proprio la Juventus. Complicato non notare un calciatore in grado di destreggiarsi perfettamente come centrocampista centrale o come trequartista e che ha il vizio del gol. Già sette reti tra Serie A ed Europa League. Un bottino che fa gola a molti.

Un altro anno a Bergamo e poi la Juventus?

Difficile capire se a gennaio Cristante si muoverà, anche perchè è in prestito e a beneficiare di una cessione immediata sarebbe il Benfica. E poi c’è da capire cosa dice l’accordo con i bergamaschi. In ogni caso, l’obiettivo dell’Atalanta è quello di riscattarlo a fine stagione e poi deciderne il futuro. Possibile un’operazione stile Caldara, con il calciatore acquistato subito dalla Juventus e lasciato un’altra stagione a maturare sotto la guida di Gasperini? Sì, ma vista la necessità dei bianconeri di un ricambio generazionale a centrocampo, non è affatto escluso che l’italo-canadese possa arrivare subito a Torino.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy