calcio

Juventus, un’altra stagione sulle spalle dei giganti

Tra poco si ricomincia e la filastrocca bianconera è sempre la stessa. Buffon, Barzagli, Chiellini. Tre icone bianconere, che devono però combattere con lo scorrere del tempo. E le fortune della nuova Juve, come sempre, passano da loro.

Francesco Cavallini

Se ho visto più lontano, è perchè stavo sulle spalle dei giganti. Lo diceva, tra gli altri, Sir Isaac Newton, ma in realtà questa frase può tranquillamente essere utilizzata come motto della Juventus pluriscudettata di Conte e Allegri. I giganti, non serve neanche dirlo, hanno guidato le truppe bianconere sin dal primo trionfo, rappresentando l'ossatura indistruttibile di una squadra che si è a mano a mano completata con fior di campioni. Eppure nessuno, nell'immaginario collettivo o nell'economia tecnica del club, ha mai preso il loro posto.Per sei lunghi anni (esclusi infortuni o qualche scelta azzardata, poi subito smentita dai risultati), l'inizio della filastrocca è sempre stato lo stesso. Buffon, Barzagli, Bonucci, Chiellini. 

La Juventus si affida a volti nuovi

 Chiellini, uno dei match-winner di Juventus-Barcellona

Una squadra che sembra non crollare mai

 Andrea Barzagli in marcatura su Maccarone
tutte le notizie di