Juric: “Contento della prestazione, ma deluso per il risultato. Gli attaccanti devono segnare”

Juric: “Contento della prestazione, ma deluso per il risultato. Gli attaccanti devono segnare”

Hellas Verona a testa altissima al San Paolo. ll tecnico è comunque soddisfatto anche se rimprovera poca precisione ai suoi. La squadra di Juric ha giocato la sfida a viso aperto senza attendere gli avversari e cercando sempre e comunque la via del gioco per arrivare dalle parti di Meret.

di Redazione Il Posticipo

Hellas Verona a testa altissima al San Paolo. La squadra di Juric ha giocato la sfida a viso aperto senza attendere gli avversari e cercando sempre e comunque la via del gioco per arrivare dalle parti di Meret. Anche sotto di due a zero, il Verona, che ha anche rischiato di andare in vantaggio, non ha mai mollato. Anche se il tecnico rimprovera ai suoi attaccanti poca freddezza.

CORAGGIO – Il Verona ha fatto quello che doveva e poteva. Ha sfruttato gli spazi alle spalle dei difensori del Napoli e ha cercato di giocarsela senza alzare le barricate. Del resto sarebbe stato inutile. Il tecnico ha analizzato così la sfida su Sky Sport: “Sono contento della prestazione, ma deluso per il risultato. Il Napoli è una squadra forte, alla fine ti fa gola anche se lo abbiamo preso in situazioni evitabili. Il rammarico è non avere trovato la via del gol nonostante si sia creato parecchio lì davanti”.

FUTURO – Ancora una volta la squadra ha mostrato grande intensità. Quando i ritmi sono calati il Napoli ha fatto valere la maggiore qualità, ma l’Hellas non è mai uscita dalla partita. Un segnale significativo per l’immediato futuro. Anche se a livello di gol manca qualcosa: “I segnali in allenamento ci sono. I ragazzi possono e devono migliorare. Arrivano dalla B e devono dare qualcosa in più. Lavoriamo molto sulla finalizzazione ma anche loro devono darmi una mano. Miglioriamo sotto tanti aspetti, mi preoccupa che non si sia segnato con gli attaccanti dopo otto partite. Probabilmente c’è un po’ di sfortuna, ma non voglio creare giustificazioni. Sono dalla loro parte, però devono prendersi la responsabilità del mio dispiacere”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy