Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Juanfran: “Credo sia l’anno buono per vincere la Champions. La finale di Milano è una ferita di guerra”

L'ex difensore è convinto che per l'Atletico sia l'anno buono per vincere la Champions.

Redazione Il Posticipo

Juanfran è convinto che per l'Atletico sia l'anno buono per vincere la Champions. In una lunga intervista riportata dal Mundo Deportivo l'ex difensore dei colchoneros, oggi in forza al San Paolo, ritiene che la fiducia generata dalla vittoria ad Anfield e il tabellone tennistico a sfida secca possa aiutare il Cholo nell'impresa.

SENSAZIONI - Juanfran ci crede: "Ho ottime sensazioni. Prima o poi la vinceremo, questa Champions. Abbiamo eliminato il Liverpool e per arrivare al titolo servono solo tre partite. L' Atletico Madrid prepara molto bene le partite e la squadra è ottima. Credo che vinceremo, ma l'avevo pensato anche nelle due precedenti occasioni in cui siamo arrivati in finale. Abbiamo perso due finali che avremmo potuto vincere. Poi ne abbiamo vinte altre. Fa parte della vita".

RIVALI - Il Real potrebbe essere eliminato dal City anche se a Juanfran non dispiacerebbe l'ennesimo derby. "Non c'è rancore, né sentimento di vendetta. Non è vero che perdiamo sempre con il Real.  Abbiamo giocato altre finali ce le abbiamo vinte. Come la supercoppa spagnola, quella europea e la Copa del Rey. Parlo ancora con tutti i miei compagni, anche se ho lasciato il club. E confesso che mi piacerebbe molto essere lì con loro. Seguo la squadra come un tifoso, anche se ho ricordi in campo".

MILANO - Nessun dubbio su quale sia il più doloroso. "A conti fatti, credo sia la finale di Milano. Stavamo perdendo, abbiamo raggiunto il pareggio grazie a un mio assist. Poi i rigori ci hanno negato la vittoria. Griezmann non ha segnato il suo in gara, io il mio nella serie finale. La ricordo come una ferita di guerra, ne sono orgoglioso, perché significa aver comunque vissuto quelle situazioni  Le finali che ho giocato, vinte e perse,  mi hanno aiutato ad essere la persona che sono".