Jovic torna a parlare: “Restate a casa”. Lui gioca a FIFA…

Jovic torna a parlare: “Restate a casa”. Lui gioca a FIFA…

Jovic è tornato a parlare. Il calciatore serbo è riapparso pubblicamente, seppur attraverso il proprio profilo social su Instagram.

di Redazione Il Posticipo

Jovic è tornato a parlare. Il calciatore serbo, come spiegato da AS, è riapparso pubblicamente, seppur attraverso il proprio profilo social su Instagram.

POLEMICHE – Non è stato un periodo molto facile per il calciatore del Real Madrid, finito al centro delle polemiche in patria, dove ha addirittura rischiato la galera. Dopo una settimana di isolamento, nel senso più pieno del termine, il giocatore, recatosi a Belgrado per trascorrere il periodo di quarantena obbligatorio sul Covid-19. L’attaccante serbo ha registrato un video da casa sua in cui incoraggia e poi invita tutti i suoi  follower (il messaggio è stato diffuso in serbo) a rimanere nelle loro case.

FIFA – Il videomessaggio e la location lasciano poco spazio alle interpretazioni. Il ragazzo è evidentemente in casa. “Ciao a tutti! Come potete vedere siamo in quarantena. Passiamo il tempo a giocare a FIFA. Spero che siate a casa. Restate a casa. Non mettete in pericolo la vostra gente. Spero che appena possibile ci potremo incontrare la fuori. Un grande saluto ” Accanto a lui, un compagno di vidoegiochi  non meglio identificato (la sua faccia non si vede). Molto più riconoscibile, invece, sullo sfondo uno schermo su cui viene proiettata una sfida di calcio virtuale.

PACE – Un messaggio evidentemente distensivo da parte del ragazzo che nell’ordine è stato preso di mira prima dal Premier, poi dal Presidente della Repubblica e infine dall’opinione pubblica. Jovic, costretto anche a chiedere delle scuse praticamente al mondo intero, adesso prova a lasciarsi dietro le spalle le polemiche. Questa volta è tutto in regola anche se ricordare di restare a casa in Serbia appare superfluo, considerando la severità con cui il governo ha imposto il giro di vite alla popolazione per evitare la diffusione del Covbid-19.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy