Jovic inizia con il… piede sbagliato. E al Real la pazienza è finita…

Il serbo continua a trovarsi in seria difficoltà. Non entra in forma e stenta a trovare posto. Credito e fiducia sono agli sgoccioli…

di Redazione Il Posticipo

Dopo Bale, il Real deve maneggiare con cura un’altra spina nella rosa. Jovic ha iniziato con il piede sbagliato anche questa stagione e secondo quanto riportato da AS, la sua permanenza alla Casa Blanca non è affatto sicura.

FUORI FORMA – Il ragazzo deve recuperare da un infortunio al piede che lo ha costretto a iniziare la stagione in palestra e a non partecipare alle sessioni di gruppo. Non è riuscito a recuperate in tempo per essere  disponibile per l’amichevole contro il Getafe ed è già in ritardo in un percorso in cui deve convincere Zidane e il club che non avevano torto ad aver ancora puntato su di lui, dopo una prima stagione avarissima di soddisfazioni e reti. E anche il primo approccio in nazionale non è stato dei migliori. Neanche un minuto contro Russia e Turchia. E al suo ritorno a Madrid, ha completato solo quattro sedute con il gruppo prima di avvertire fastidio a un piede.

PAZIENZA – Il Real non ha rilasciato alcun referto medico in relazione alle sue condizioni. Fra l’altro l’infortunio è ancora avvolto nel mistero. La versione ufficiale della Casa Blanca è di un problema causato da un incidente domestico in allenamento ma la sensazione è che al netto dei comunicati la pazienza e il credito nei confronti del ragazzo sia ormai agli sgoccioli. L’ex attaccante dell’Eintracht è consapevole di non avere altre molte possibilità per giustificare l’investimento del Real su di lui: i 60 milioni di euro spesi poco più di un anno fa hanno fruttato due gol e due assist in 806 minuti. Quanto basta per essere a un bivio. Se Jovic non si instraderà verso il miglioramento le porte della Casa Blanca si chiuderanno alle sue spalle. Zidane gli dà ancora fiducia. Dipende tutto da quanta ne abbia, in sè stesso, il serbo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy