Jorginho in caduta libera, Lampard gli toglie i rigori: “È un gran professionista, non gli interessa chi li tira…”

L’esperienza londinese di Jorginho continua tra alti e bassi. Il calciatore italiano più pagato di sempre non è ancora riuscito a prendersi i Blues, nonostante sia ormai a Stamford Bridge da oltre due stagioni. Con Lampard ha perso sempre più la sua centralità nel progetto del Chelsea. E ora…anche uno dei suoi compiti.

di Redazione Il Posticipo

L’esperienza londinese di Jorginho continua tra alti e bassi. Il calciatore italiano più pagato di sempre (60 milioni di euro spesi dal Chelsea per acquistarlo dal Napoli) non è ancora riuscito a prendersi i Blues, nonostante sia ormai a Stamford Bridge da oltre due stagioni. La prima, quella passata assieme al suo maestro Sarri, ha portato la soddisfazione dell’Europa League vinta, ma anche parecchie critiche e le accuse di essere…il cocco del mister. Quando è arrivato Lampard, le cose sono prima andate abbastanza bene, ma poi il centrocampista ha perso sempre più la sua centralità nel progetto del Chelsea. E ora…anche uno dei suoi compiti.

ERRORI – Negli scorsi anni, i tifosi del club inglese non hanno risparmiato critiche all’italo-brasiliano, ma su un qualcosa erano concordi: come rigorista, Jorginho era il top. Il suo penalty col saltino ha ipnotizzato parecchi portiere in Premier e in Europa e quando c’era da presentarsi dagli undici metri l’ex Napoli era una sicurezza. Appunto, era, perchè di recente il classe 1991 ha cominciato a perdere colpi. Due rigori sbagliati dall’inizio della stagione, uno in Premier League contro il Liverpool e l’altro in Champions League contro il Krasnodar. Abbastanza, come spiega Goal, per perdere i gradi di cecchino designato, che sono invece passati a Timo Werner.

LAMPARD – Il tedesco ha preso il compito con un certo impegno, segnando entrambi i rigori che sono stati concessi ai Blues nel match contro il Rennes. E anche Jorginho ormai sembra essersi rassegnato, come dimostrano alcune immagini della partita, in cui è proprio l’azzurro a consegnare il pallone all’ex Lipsia. E Lampard, come riporta Sky Sports, si è congratulato con il suo calciatore per la professionalità dimostrata: “Ho parlato con Jorginho ed è stato un gran professionista: non gli interessa chi tira i rigori, l’importante è che si segnino. Questo è il suo approccio”. Ma chissà che non sia un altro segnale che forse da quelle parti il regista non è apprezzato come dovrebbe…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy