Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Jorginho “il prescelto” ha un nuovo record

MILAN, ITALY - NOVEMBER 17:  Frello Filho Jorge Luiz Jorginho of Italy in action during the UEFA Nations League A group three match between Italy and Portugal at Stadio Giuseppe Meazza on November 17, 2018 in Milan, Italy.  (Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

Doppia esecuzione perfetta dal dischetto e... un curriculum da aggiornare in vista del prossimo Pallone d'Oro.

Redazione Il Posticipo

Al netto di qualche errore in azzurro, in blues è un'altra cosa. Jorginho, con i due gol messi a segno su rigore contro il Malmoe è diventato il giocatore con più gol in Champions League realizzati su rigori. Infallibile, come spesso gli è capitato. Rincorse ed esecuzioni stavolta un po' più potente rispetto al solito. E il record ha riportato alla mente quanto accaduto nell'ottobre del 2019, quando il centrocampista è diventato una sorta di... prescelto.

GRECIA - Tutto risale alla sfida con la Grecia, seguita alla visita in Varticano. Italia in udienza visita al Papa, stretta di mano immortalata anche oltremanica. E così il centrocampista del Chelsea diviene per tutti "il prescelto". Sacro e profano si mischiano ancora una volta in terra inglese, dopo la pubblicazione della stretta di mano fra Papa Francesco e l'italo-brasiliano. L'incontro in Città del Vaticano fra il calciatore e Sua Santità evidentemente non è sfuggito ai tifosi del Chelsea che ne hanno approfittato per ribadire la loro posizione: i rigori, a Chelsea li tirerà il brasiliano.

RIGORI - Secondo quanto riportato dal Daily Star i fan del club londinese si sono scatenati sui social, postando commenti fra sacro e profano. Diversi interventi parlano di benedizione. Altri di "mano di Dio". Tutti, però convergono su un unica decisione. Folgorati dalla esecuzione dagli undici metri contro la Grecia, i blues pretendono che l'italo-brasiliano sia il "prescelto" per i tiri dal dischetto. "Il papa approva".

NUMERI - Del resto, non hanno tutti i torti. I numeri del brasiliano lasciano poco spazio alle interpretazioni. Jorginho ha una media impressionante dal dischetto. In carriera si è presentato per l'esecuzione con una percentuale di realizzazione assestabile sul 90%. Una banca. Dopo un avvio complicato con il Chelsea, il ragazzo è divenuto un punto fermo della squadra di Lampard e poi di Tuchel, fugando i residui dubbi legati all'addio di Sarri. In molti a Londra credevano che, dopo l'addio del "suo" tecnico, il brasiliano avrebbe faticato a trovare spazio. Invece si è ritagliato minuti e considerazione anche con il nuovo allenatore sino a salire in cima all'Europa con il suo club. E adesso si prende l'ennesimo record con vista... Pallone d'Oro.