Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Jorge Jesus e…la saudade all’incontrario: il portoghese lascia il Flamengo e torna al “suo” Benfica

Jorge Jesus è ormai l'ex tecnico del Flamengo, campione in carica sia del Brasile che dell'intero Sudamerica. Il portoghese, dopo aver riportato il Mengão a livelli che da quelle parti non si vedevano da un po', ha deciso di attivare la clausola...

Redazione Il Posticipo

Chi l'ha detto che i brasiliani sono gli unici al mondo che soffrono di saudade? Da qualcuno, bene o male, dovranno anche aver ripreso... E infatti a dimostrarlo c'è la scelta di un allenatore portoghese. Non uno qualsiasi, ma il tecnico del Flamengo, campione in carica sia del Brasile che dell'intero Sudamerica. Jorge Jesus è arrivato al Maracanà tra i dubbi e lascia da trionfatore, dopo aver portato il Mengão a livelli che da quelle parti non si vedevano da un po'. Dieci anni dall'ultimo titolo nazionale, addirittura trentotto dalla fino a quel momento unica Libertadores. Ma il richiamo della patria ha superato tutto.

BENTORNATO - E quindi arriva il tweet ufficiale del Benfica, la squadra che Jorge Jesus ha guidato per sei anni (dal 2009 al 2015) e a cui ha regalato ben cinque titoli portoghesi. "Bentornato a casa". Basta questo per capire che il tecnico ha attivato la clausola che gli permetteva di liberarsi per tornare nel suo Portogallo. Prima ci aveva pensato lo stesso Flamengo a salutarlo, sempre su Twitter, con dei doverosi ringraziamenti. Ma ora è tempo di rimettere piede in Europa, dopo aver dimostrato al Sudamerica che gli allenatori arrivati dal Vecchio Continente, eredi di quelli che oltre cento anni fa sono andati a far conoscere il calcio ai verdeoro, possono decisamente dire la loro.

E ORA? - Resta però da capire cosa ne sarà di questo Flamengo. L'arrivo di Jorge Jesus ha significato per i rossoneri un ritorno ai fasti di un tempo, ma anche e soprattutto il riscatto per molti calciatori che in Europa avevano fallito. Gli esempi più eclatanti sono certamente quelli di Gabigol e Gerson, tornati a fare la differenza in Brasile dopo che la Serie A non li ha visti rendere come ci si aspettava. Ma il progetto del Mengão aveva convinto anche calciatori pluridecorati come Filipe Luis, Rafinha e Diego a tornare in Brasile dopo lunghe carriere altrove, per chiudere col botto. E ora che la missione è compiuta, Jorge Jesus può anche tornare a casa. Del resto, la saudade vale anche all'incontrario...