Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Jordi Alba accusa: “Mi sento nel mirino. Se gioco bene non si parla di me, se gioco male mi massacrano”

Jordi Alba accusa: “Mi sento nel mirino. Se gioco bene non si parla di me, se gioco male mi massacrano” - immagine 1

I veterani del Barcellona sono da anni sotto accusa per il crollo sportivo dei blaugrana. Quello che si è beccato la maggior parte delle punzecchiate è Jordi Alba. Che dopo la vittoria di misura contro l'Alaves ha deciso di sfogarsi

Redazione Il Posticipo

La situazione degli ultimi anni del Barcellona non è per nulla semplice, soprattutto per chi è al Camp Nou da anni e si era praticamente abituato a vincere. Del resto, la maggior parte delle critiche per quanto riguarda le questioni di campo sono arrivate proprio ai senatori, che agli occhi dei tifosi catalani sono sembrati totalmente incapaci di impedire il crollo calcistico dei blaugrana. Chi ha sempre risposto per le rime è Gerard Piqué, ma quello che si è beccato la maggior parte delle punzecchiate è invece Jordi Alba. Che dopo la vittoria di misura contro l'Alaves ha deciso di sfogarsi. Le sue dichiarazioni, riportate da AS, spiegano abbastanza bene come il laterale stia vivendo la situazione attuale.

CRITICHE - Il terzino spagnolo è certamente quello che sul terreno di gioco ci ha rimesso di più dall'addio di Messi, visto che era il suo compagno di scorribande sulla fascia sinistra. Ma anche quando c'era ancora la Pulce, il classe 1989 non è mai stato al riparo dalle critiche. Un qualcosa che lo sta segnando profondamente. "Mi sento nel mirino da molti anni, ma accetto tutte le critiche. Faccio parte di questo ambiente e so bene che quando gioco male ci sta che venga segnalato. Le critiche ci sono e questo lo so da sempre. Se gioco bene non si parla di me, se faccio due assist non si parla di me, ma se non gioco bene mi massacrano. Questo lo accetto e lo do per scontato".

SENATORI - Il che però non significa che l'accanimento che percepisce nei suoi confronti sia giusto. "Tutto questo non mi preoccupa troppo, perché ho il rispetto dei miei compagni e dello staff. Nessuno mi ha regalato niente nei miei dieci anni al Barcellona. È sempre stato così e ora lo è ancora di più". Comunque, Jordi Alba non è l'unico a finire sotto il fuoco delle critiche. Anche gli altri veterani non se la passano bene... "Quando perdiamo se la prendono sempre con i senatori, ma ci sono senatori in tutte le squadre, mentre sembra che ce li abbia solo il Barcellona. E poi si parla di veterani da quattro o cinque anni, ma io all'epoca ne avevo 28 o 29...". Insomma, ok le critiche, ma quando...sono meritate!